Grilli: “Stop aumento Iva forse in legge di stabilità. No altri sacrifici”

Pubblicato il 6 settembre 2012 17:12 | Ultimo aggiornamento: 6 settembre 2012 20:28
Vittorio Grilli

Vittorio Grilli (Lapresse)

ROMA – Cauto ottimismo da parte del ministro dell’Economia, Vittorio Grilli. “Siamo riusciti a posticipare l’incremento dell’Iva, dal 21 al 23%, a giugno ma il nostro obiettivo è di evitarlo definitivamente”, ha assicurato aggiungendo che “la legge di stabilità è un possibile veicolo” ma “bisogna trovare le risorse”. Per questo si punta ancora alla spending review.

Per Grilli, al momento, non c’è la necessità di ulteriori manovre correttive. ”L’aggiustamento fiscale raggiunto dall’Italia  – ha detto – è strutturale, non c’è bisogno di ulteriori sacrifici”. Ci potrà essere al massimo qualche aggiustamento ”nominale”.

Le cose fatte in Italia ”cominciano a marciare” e per questo c’è “ottimismo” su una ripresa vicina “ma dobbiamo essere realisti  – spiega Grilli – perché c’è un rallentamento globale e noi come paese manifatturiero ed esportatore siamo legati a come va il resto del mondo”.