Volkswagen, allarme Bankitalia: possibile impatto su ripresa

di Redazione Blitz
Pubblicato il 29 Settembre 2015 11:57 | Ultimo aggiornamento: 29 Settembre 2015 11:57
Volkswagen, allarme Bankitalia: possibile impatto su ripresa

Volkswagen, allarme Bankitalia: possibile impatto su ripresa

ROMA – Impatto sull’economia “difficile da valutare“. La Banca d’Italia, come nei giorni scorsi aveva fatto il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan, non nasconde le preoccupazioni per la vicenda Volkswagen. 

A dirlo davanti alle commissioni Bilancio di Camera e senato è il vicedirettore di Bankitalia  Luigi Federico Signorini. Secondo il dirigente, infatti,

 “all’incertezza presente sui mercati globali si è aggiunta negli ultimi giorni quella connessa con le possibili ripercussioni, difficili da quantificare, del grave scandalo Volkswagen sul settore dell’auto e sulle aspettative degli investitori e dei consumatori”.

Signorini, insomma, non esclude che lo scandalo emissioni possa in qualche modo avere conseguenze sulla ripresa visto che   “nell’area dell’euro la ripresa si è intensificata dalla fine dello scorso anno”, ma

“al rafforzamento della congiuntura europea si contrappone un significativo indebolimento dell’attività economica in Cina e nelle altre economie emergenti. Finora l’effetto di questo rallentamento sulle economie avanzate non è stato rilevante; esso costituisce tuttavia un elemento di incertezza per il futuro: potrebbe portare un ridimensionamento delle prospettive globali di domanda e di inflazione e incidere negativamente sulla fiducia degli investitori”.

Lo scandalo, intanto, non accenna a ridimensionarsi, anzi. Proprio oggi 29 settembre il Giappone ha fatto sapere che indagherà sui maggiori produttori di automobili locali (Toyota, Nissan, Mazda e Mitsubishi) e sugli importatori di marchi europei per verificare se i loro veicoli rispettino gli standard sulle emissioni di gas inquinanti.