Volkswagen dieselgate: rimborso 1000 dollari. Ma in Italia..

di Redazione Blitz
Pubblicato il 1 Dicembre 2015 9:45 | Ultimo aggiornamento: 1 Dicembre 2015 9:46
Volkswagen dieselgate: rimborso 1000 dollari. Ma in Italia..

Volkswagen dieselgate: rimborso 1000 dollari. Ma in Italia.. (foto Ansa)

ROMA – Rimborso di mille dollari ai clienti americani, rimborso di zero euro ai clienti italiani: la decisione della Volkswagen di risarcire in maniera differenziata clienti danneggiati dal dieselgate di diverse nazionalità non è passata inosservata. Negli Stati Uniti la Volkswagen indennizzerà i suoi clienti danneggiati dai dieselgate con una ‘una tantum’ di “1.000 dollari”. In Italia, dove la truffa riguarda 648.458 i veicoli, non ci saranno risarcimenti per i clienti. I veicoli saranno richiamati “per manutenzione” dai concessionari senza risarcimenti. “Di fronte a queste differenti impostazioni di tutela, Adusbef e Federconsumatori sollecitano un’accelerazione della nuova class action “al fine di tutelare le migliaia di persone truffate e danneggiate”.

I richiami per “per manutenzione”, dopo lo scandalo delle emissioni truccate interessano esclusivamente le vetture dotate di motori diesel Euro 5, di tipo EA 189. Quelli di marca Volkswagen sono 361.432. Poi tocca ad Audi (197.421 veicoli), Seat (35.348), Skoda (38.966) e Volkswagen Veicoli Commerciali (15.291). Tempistiche e modalità della “manutenzione”, ricordano Adusbef e Federconsumatori, verranno comunicate ai clienti “tramite posta” da Volkswagen Group Italia: “Tutti i concessionari e i service partner», si legge in una nota diffusa dal gruppo Volkswagen, «saranno in grado di individuare precisamente i veicoli coinvolti nel piano d’azione. Grazie al numero di telaio, sarà possibile escludere quelli che non necessitano dell’intervento”.

Per il Codacons è “semplicemente assurdo auspicare anche in Italia un indennizzo da 1.000 dollari ad automobilista al pari di quanto riconosciuto negli Stati Uniti. Una simile proposta non sarebbe stata nemmeno presa in considerazione dagli automobilisti – spiega il Presidente Carlo Rienzi – Il danno subito dai proprietari di auto Volkswagen coinvolte nel dieselgate è assai maggiore, considerata la frode commerciale, la perdita di valore del veicolo e le emissioni inquinanti nell’aria, e la casa automobilistica non può pensare di cavarsela con una elemosina come fatto negli Stati Uniti”.

Per tale motivo il Codacons proseguirà sulla strada della class action intentata contro Vw davanti al Tribunale di Venezia, cui hanno fornito pre-adesione già più di 12mila automobilisti. E se non arriveranno in favore dei clienti proposte di indennizzo di importo almeno 10 volte superiore a quello riconosciuto negli Usa, l’associazione avvierà un boicottaggio del marchio su tutto il territorio.