Zanonato: “Se si ferma l’Ilva addio siderurgia in Italia”

Pubblicato il 26 Maggio 2013 12:39 | Ultimo aggiornamento: 26 Maggio 2013 12:46

Flavio Zanonato

ROMA – ”Se si ferma un’azienda di questo tipo possiamo dire addio a tutta l’industria siderurgica e avremmo problemi con l’industria meccanica”.

Così, a Sky Tg24 parla il ministro dello Sviluppo, Flavio Zanonato, in merito alla vicenda Ilva. Lunedì, lo stesso ministro incontrerà Enirico Bondi dopo le dimissioni in blocco dei vertici dell’Ilva.

Secondo Zanonato il polo dell’acciaio, e l’Ilva in particolare, ”deve rimanere italiano, dobbiamo fare di tutto per farlo rimanere italiano. E’ una questione strategica: dalla siderurgica dipende la meccanica, per rimanere competitiva deve avere acciaio prodotto in luoghi abbastanza vicini”.

L’Ilva ”deve essere risanata. L’alternativa non esiste”: ha detto ancora  il ministro dello sviluppo economico. ”Non è che se chiudiamo l’Ilva risolviamo il problema ambientale, ma come e’ successo a Piombino o a Bagnoli rischiamo un enorme degrado senza aver affrontato il problema produttivi e ambientale. C’e’ una sola strada, risanare, e continuare a produrre acciaio che e’ assolutamente necessario per nostra economia”.