Energia, allaccio luce e prima attivazione: costi, tempi e modalità

di Redazione Blitz
Pubblicato il 26 Giugno 2013 16:21 | Ultimo aggiornamento: 8 Luglio 2014 11:37

luceROMA – Ecco qualche consiglio utile su l’allaccio della luce e la prima attivazione di una fornitura di energia elettrica in casa.

La richiesta di allaccio dell’energia elettrica presuppone un sopralluogo da parte del distributore locale per definire eventuali lavori a carico del cliente e per il calcolo del preventivo. La richiesta, per tanto, può essere sia telefonica che scritta.

Il processo è composto da due fasi:

1. Preventivazione dei costi per il collegamento dell’impianto del Cliente finale alla Rete di Distribuzione;

2. Attivazione della fornitura stessa.

Per allacciare il contatore alla rete è obbligatorio che il cliente dichiari/dimostri la regolarità urbanistica dell’immobile (istanza 326 o fattura altro servizio).

Quali documenti servono per l’allaccio luce?

• l’istanza 326 (la regolarità urbanistica dell’immobile) correttamente completata, firmata e corredata;

• una copia di un documento di identità valido;

• codice fiscale/partita IVA (se cliente business);

• i dati anagrafici e il recapito telefonico del richiedente l’allaccio.

Quanto costa l’allaccio luce?

Le spese di allaccio da corrispondere al distributore sono a carico del cliente e sono di importo variabile in base alla quota potenza e alla quota distanza (allacciamento alla cabina d’impianto più vicina del distributore) definite dall’Autorità per l’Energia Elettrica e il Gas.

Tempistica

La richiesta di allaccio viene immediatamente trasmessa al distributore che entro 5 giorni esegue il sopralluogo; dopo il pagamento/accettazione del preventivo e dopo eventuali lavori a carico del cliente o autorizzazioni/permessi ricevuti dalle autorità competenti, il distributore è tenuto ad eseguire i lavori entro i giorni comunicati dal distributore.

Cos’è una Prima attivazione?

Si tratta dell’attivazione di una fornitura in un sito dove sono già stati pagati i contributi di allaccio, ma non è mai stata ancora attivata la fornitura.

Che documenti devo presentare?

Per la richiesta di preventivo:

La richiesta del titolare della fornitura può essere accolta in forma verbale. Solo per le Pubbliche Amministrazioni è obbligatoria richiesta scritta.

Richiesta di esecuzione lavoro:

• Istanza 326 o fattura altro servizio;

• Copia documento d’identità;

• Plico contrattuale (non vincolante);

• Accettazione Preventivo (se l’importo del preventivo è fino a 1000 euro esclusa IVA).

Costo della prima attivazione?

L’onere amministrativo previsto dalla delibera TU -348/07 e successive modifiche.