Come tagliare la bolletta dell’energia elettrica

di Redazione Blitz
Pubblicato il 19 Dicembre 2019 11:35 | Ultimo aggiornamento: 7 Gennaio 2020 14:42

Come tagliare la bolletta dell’energia elettrica (Foto Ansa)

ROMA – Se si ritiene che la bolletta dell’energia elettrica sia troppo elevata è possibile cercare un’azienda di fornitura che abbia delle offerte luce più interessanti. Che possono essere più basse, oppure più interessanti per il singolo utilizzatore. Ogni famiglia ha infatti le personali preferenze di utilizzo dell’energia elettrica, che riguardano soprattutto il momento della giornata, o della settimana, in cui si usano maggiormente alcuni elettrodomestici.

Le tariffe mono orarie o bi orarie.

Se si considerano con attenzione le bollette dell’energia elettrica è possibile trovare il costo orario della componente energia. Tra le varie offerte luce di solito le differenze possono essere importanti, soprattutto se si considerano le fasce orarie di consumo. Ci sono infatti tariffe per l’energia elettrica che considerano il medesimo costo delle luce indipendentemente dall’orario del giorno in cui la si consuma; in altre invece, le cosiddette tariffe bi orarie, il costo dell’energia varia al variare dell’ora del giorno. Solitamente è minimo nel fine settimana e durante le ore serali e notturne. Chi ha questo tipo di tariffa della luce paga un costo per l’energia elettrica più elevato nel caso in cui effettui i propri consumi nel cuore del giorno.

Il comportamento di consumo.

Non tutti hanno il medesimo stile di vita, un lavoro che li porta ad essere lontani da casa per l’intera giornata, abitudini simili a quelle di tutti gli altri. Le offerte luce che comportano una tariffa mono oraria sono perfette per chi vive la maggior parte della giornata in casa, accendendo molti elettrometrici nel pieno del giorno, senza dove attendere la sera. Una tariffa bi oraria è invece ideale per tutti coloro che fanno un classico lavoro d’ufficio, o che comunque sono fuori casa dalle 7 del mattino fino alle 7 la sera, o in orari simili. Le abitudini di costoro li portano infatti ad utilizzare gli elettrodomestici soprattutto la sera, appena rientrati.

I consumi degli elettrodomestici.

Per trovare la tariffa dell’energia elettrica più adatta al proprio stile di consumo è importante anche considerare quali siano gli elettrodomestici che si utilizzano maggiormente. Alcuni infatti sono attivi sempre e costantemente; si pensi ad esempio al frigorifero, al freezer o a orologi e sveglie, sempre collegati alla rete elettrica e sempre accesi. Altri invece si usano solo in specifici momenti; le lampade di casa si accendono solo nelle ore serali, ad esempio, mentre lavatrice e lavastoviglie consumano energia solo nelle poche ore in cui le si utilizza effettivamente. Considerare i propri comportamenti riguarda anche valutare con cura quali abitudini si hanno; ci sono persone che vivono la maggior parte del proprio tempo in casa, che però magari hanno l’abitudine di accendere la lavastoviglie ogni sera, quindi potrebbero trovare un buon risparmio approfittando delle offerte luce con tariffa bi oraria.

Le offerte migliori.

Sono poi presenti altre caratteristiche che differenziano tra loro le offerte luce oggi presenti sul mercato. Ci sono infatti aziende di gestione di questo tipo di fornitura che offrono sconti bonus ai propri clienti, oppure proposte che prevedono il prezzo della componente energia bloccato per un dato periodo di tempo, a volte anche più di un anno. In questo modo ci si tiene al riparo da eventuali rincari, che si verificano in genere ogni 3-6 mesi. Anche in questo caso, la scelta dipende dalle preferenze del singolo; ci sono anche aziende che propongono servizi da saldare in bolletta, particolarmente convenienti proprio per i clienti che hanno anche la fornitura di luce o gas. In pratica si tratta di aziende che si occupano non solo della fornitura di energia elettrica, ma anche di prodotti quali servizi per il pronto intervento in caso di guasto, accessori per l’illuminazione o termostati intelligenti.