Eco energia: nuove speranze nel mare delle Hawaii

Pubblicato il 9 agosto 2010 9:06 | Ultimo aggiornamento: 9 agosto 2010 21:46

Proposte di eco-energia arrivano dal largo del mare nella Hawaii: un nuovo studio, pubblicato sul Journal of renewable Energy, ha mostrato come la zona posta ”controvento” delle isole americane possa essere luogo ideale per la produzione costante di energia prodotta dallo sfruttamento delle correnti marine.

L’equipe di ricerca della University of Hawaii ha ideato un motore termico, denominato Ocean Thermal Energy Conversion (Otec), che viene posto tra le differenti correnti di acqua calda della superficie e fredda delle profondità oceaniche. La tecnologia sfrutta così, ”come una palla che rotola in discesa”, i flussi di calore: maggiore è la differenza di temperatura, affermano i ricercatori, più forte è il flusso che può essere poi riutilizzato per ”lavori eco-utili”, come far ruotare una turbina.

”Il differenziale di temperatura calda-fredda nella zona sottovento delle isole è di circa un grado maggiore rispetto alla zona orientale – ha affermato il ricercatore Gerard Nihous – questa piccola differenza si traduce in termini ‘utili’ in un 15% in piu’ di energia per il motore termico”.