Ecobonus e sismabonus, Enel X lancia l’operazione condomini: tutto quello che c’è da sapere

di Redazione Blitz
Pubblicato il 24 gennaio 2019 11:51 | Ultimo aggiornamento: 24 gennaio 2019 12:03
ecobonus sismabonus enel x

Ecobonus e sismabonus, Enel X lancia l’operazione condomini: tutto quello che c’è da sapere

ROMA – Nasce la nuova offerta di Enel X, la divisione che si occupa di servizi energetici avanzati nel Gruppo Enel, dedicata ai Condomini. Un servizio mirato alla riqualificazione abitativa che comprende lavori di efficientamento energetico, messa in sicurezza sismica e ammodernamento tecnologico dei Condomini. Il servizio è rivolto a tutti i condòmini con più di 8 unità abitative con impianto di riscaldamento centralizzato (oppure autonomo ma presente in ogni appartamento), interessati a lavori di riqualificazione sulle parti comuni dell’edificio, nell’ambito del sistema di incentivi Ecobonus e Sismabonus. Tali incentivi danno la possibilità di ottenere un credito fiscale per un ammontare che, in funzione degli interventi effettuati, può arrivare all’85% del valore dei lavori e che può essere ceduto in un’unica soluzione a Enel X come parziale corrispettivo delle opere di efficientamento.

Grazie alla cessione del credito ad Enel X, il costo di cui si deve far carico il condominio si limita alla sola quota parte non coperta dagli incentivi fiscali. In questo modo, a parità di costo finale d’intervento, si riduce drasticamente la cifra che il condominio dovrà sostenere con conseguente impatto positivo sul bacino d’utenza di persone che potranno accedere e beneficiare di questo tipo di interventi.

Inoltre questa offerta dà la possibilità ai clienti di avere Enel X come unico interlocutore grazie al quale ricevere una molteplicità di servizi che spaziano dalla consulenza energetica e progettazione dell’intervento, alla fornitura di prodotti e servizi, passando dalla realizzazione delle opere civili e supporto alla gestione delle pratiche amministrative fino ad arrivare alla cessione del credito fiscale maturato per gli specifici interventi effettuati.

La riqualificazione energetica di un condominio comporta numerosi benefici per chi lo abita: dalla riduzione delle spese per la climatizzazione estiva e invernale, al miglioramento del comfort. Dall’aumento del valore dell’immobile ammodernato con soluzioni tecnologiche efficienti, al miglioramento della qualità ambientale, e riduzione delle emissioni di CO2.

Con questo progetto Enel X si pone, oltre che come promotore e parte attiva dell’efficientamento energetico ed avanzamento tecnologico dei singoli condomìni, anche come motore della riqualificazione ed ammodernamento del parco immobiliare Italiano.

Per poter accedere ai vantaggi dell’offerta sono previsti dei lavori minimi di riqualificazione: è possibile scegliere tra l’installazione del cappotto termico esterno per almeno il 25% della superficie disperdente e la sostituzione del sistema di riscaldamento esistente con un impianto centralizzato.

Enel X guida il condominio attraverso tutto il processo per l’ottenimento della detrazione e la cessione del credito: fornisce indicazioni sul percorso da seguire e dà un supporto per gli adempimenti che devono essere svolti dagli attori interni (come la comunicazione all’agenzia delle entrate dei dati sulla cessione del credito, che deve essere svolta dall’amministratore di condominio).

Aderire all’offerta è molto semplice, al cliente basterà visitare il sito di Enel X e compilare con i propri contatti il form presente nella sezione dedicata per esser ricontattato.

Enel X è la linea di business globale di Enel dedicata allo sviluppo di prodotti innovativi e soluzioni digitali nei settori in cui l’energia sta evidenziando il maggior potenziale di trasformazione: città, abitazioni, industria e mobilità elettrica.

Cliccando qui il promemoria di Enel X sul panorama degli interventi possibili

Cliccando qui il pro memoria di Enel X sulla procedura per la riqualificazione

Ecobonus e sismabonus, gli interventi possibili con la cessione del credito

Cerchiamo intanto di fare capire il meccanismo attraverso un esempio pratico. Ipotizziamo che un condominio con 15 appartamenti voglia fare un intervento per realizzare un cappotto termico sull’edificio e per sostituire la vecchia caldaia per il riscaldamento centralizzato con una più moderna, meno inquinante e risparmiosa pompa di calore. Spesa prevista complessiva: 450.000 euro, costo per il singolo appartamento 30.000 euro. Se il condominio si muoverà autonomamente dovrà anticipare l’intera somma e ciascun condomino potrà poi recuperare il 70% della spesa (21.000 euro) attraverso l’ecobonus ripartito su un arco di 10 anni. La proposta di Enel X, invece, prevede che sia il gruppo ad accollarsi i 21.000 euro di ciascun condòmino che dovrà così pagare solo i restanti 9.000. “Noi acquistiamo dal condomino tutto il credito d’imposta, che può andare dal 50% all’85% del costo dell’intervento a seconda della tipologia. Lo sconto sarà del 5-6 per cento, quindi al condominio viene riconosciuto il 92-93% dell’intero credito”, ha spiegato Francesco Venturini, Ad di Enel X. L’impatto per i condomini è dunque vantaggioso.

La nuova offerta si basa sulle detrazioni previste dalla Legge di Bilancio – per esempio il 50% di ecobonus previsto per finestre e infissi o il 65% per le pompe di calore – ma anche abbinati tra loro – per esempio incentivo dall’80% all’85% per il miglioramento della classe sismica abbinato all’installazione del cappotto termico (che da solo beneficierebbe del 75%). Ed è rivolta a condomini con aumento 8 appartamenti, cioè quelli in cui è d’obbligo un amministratore con il quale interfacciarsi.

Ecobonus e sismabonus, 400 condomini sono già partiti

“L’efficienza energetica – ha proseguito Francesco Venturini, nel presentare la nuova mossa del gruppo – è il nostro mestiere. Inoltre siamo dei forti contribuenti e quindi abbiamo la capienza fiscale per recuperare, tramite il credito d’imposta distribuito nei 10 anni, le somme che anticipiamo. Infine, su questa operazione – diversamente da altri operatori o utility che agiscono esclusivamente dal punto di vista finanziario – ci mettiamo la faccia: Enel X si fa garante della qualità dei lavori che saranno eseguiti e che seguiremo direttamente dalla proposta iniziale alla loro conclusione”, con un progetto personalizzato chiavi in mano.

Per finanziare le richieste che arriveranno, Enel ha reso disponibili 260 milioni di euro nel bilancio 2019 e 400 condominii sono già partiti dopo un lavoro preparatorio durato diversi mesi. Ma, ha fatto capire Venturini, la base fiscale di Enel consente di alzare il target se il mercato darà risposte positive. “I condomini italiani con oltre 8 unità sono circa 550.000 mila e di questi il 23% si trova in condizioni di conservazione mediocri o pessime, una situazione che include anche l’edilizia popolare. Se questo è il bacino potenziale per l’operazione sull’efficienza energetica, ben posizionato al Centro e Nord Italia, ben più ampia è la platea degli immobili da mettere in sicurezza sismica con 6,1 milioni di edifici collocati in aree ad alto rischio. Qui i riscontri maggiori sono arrivati da Centro Italia, Sicilia e Calabria.

Ecobonus e sismabonus, ma anche domotica, fotovoltaico e colonnine di ricarica

“Attraverso l’efficienza energetica passa la riqualificazione degli immobili e dei centri urbani”, aggiunge Francesco Venturini che sottolinea il vantaggio non solo in termini di riduzione della bolletta energetica ma anche di rivalutazione dell’immobile. L’intenzione di Enel X è di spingere su un ventaglio ampio di interventi. “Dalla domotica all’installazione di pannelli fotovoltaici con batteria di accumulo, prodotta da nostri partner in Emilia Romagna, ci muoviamo a tutto tondo”, conclude Venturini che fa il punto anche sull’installazione delle colonnine di ricarica elettriche: “Stiamo procedendo al ritmo di 2.500 colonnine installate l’anno. Così è stato nel 2018 e manterremo il ritmo nel 2019”.