Enel Green Power, risultati 2014: -32% per colpa della Grecia, ma Ebitda +9%

di Redazione Blitz
Pubblicato il 16 Marzo 2015 12:31 | Ultimo aggiornamento: 16 Marzo 2015 12:31
Enel Green Power, risultati 2014: -32% per colpa della Grecia, ma Ebitda +9%

Enel Green Power, risultati 2014: -32% per colpa della Grecia, ma Ebitda +9%

ROMA – Enel Green Power, approvati i risultati per l’anno appena concluso: l’azienda chiude il 2014 con un risultato netto di gruppo in calo del 32% a 359 milioni di euro (anche a causa della svalutazione degli asset greci), ma con un ebitda in crescita del 9,2% a 1,94 miliardi. L’utile netto ordinario si attesta a 528 milioni (+0,2%) e consente la distribuzione di un dividendo pari a 3,2 centesimi per azione. La capacità aggiuntiva installata nell’anno è pari a 1 GW.

I ricavi totali sono in aumento del 10,1% a 2,9 miliardi di euro, per effetto dell’aumento di 243 milioni degli altri ricavi e di 32 milioni dei ricavi per vendita di energia elettrica, tenuto conto di un effetto cambi negativo di 10 milioni. L’incremento degli altri ricavi si riferisce principalmente agli effetti registrati nell’Area Europa derivanti dall’accordo transattivo siglato con Ine (società energetica statale salvadoregna), che ha anche determinato la cessione della partecipazione in LaGeo (123 milioni di euro), dalla cessione della partecipazione in Enel Green Power France (31 milioni di euro) e dall’iscrizione dell’indennizzo previsto nell’accordo con Sharp sull’Off-Take della produzione della fabbrica 3Sun (95 milioni di euro).

L’incremento dei ricavi per vendita di energia elettrica, comprensivi degli incentivi, deriva principalmente dall’aumento dei ricavi in America Latina e in Nord America, compensato dai minori ricavi registrati in Europa, principalmente in Iberia per effetto dei nuovi valori di remunerazione. L’Ebitda, pari a 1.942 milioni di euro, registra un incremento di 163 milioni di euro (+9,2 %) rispetto al 2013, realizzato principalmente in Europa e Nord America. L’Ebit (risultato operativo) del 2014 è pari a 1.021 milioni di euro, in decremento di 79 milioni di euro (-7,2 %) rispetto ai 1.100 milioni di euro dell’esercizio precedente.

Il citato incremento del margine operativo lordo è stato infatti più che compensato dall’incremento degli ammortamenti e perdite di valore (pari a 242 milioni di euro) per effetto principalmente della svalutazione rilevata nel 2014 sull’avviamento e sulle attività nette della CGU Enel Green Power Hellas (pari a 181 milioni di euro) e degli ammortamenti legati alla maggiore capacità installata in Nord America e in America Latina. Sul risultato netto, che al netto delle discontinued operations risulta negativa per 234 milioni, la svalutazione pesa per 231 milioni.

L’indebitamento finanziario netto al 31 dicembre 2014, pari a 6.038 milioni di euro, presenta un incremento di 714 milioni di euro nonostante la crescita degli investimenti e l’effetto cambi negativo per 196 milioni di euro. Per quanto riguarda invece i dati operativi, la capacità installata netta è pari a 9,6 GW e la produzione di energia elettrica è pari 31,8 TWh, con un incremento di 2,5 TWh (+8,5 %) rispetto al 2013.