Enel vende ai russi di Rosneft la quota di Severenergia per 1,8 mld di dollari

di Redazione Blitz
Pubblicato il 24 settembre 2013 14:36 | Ultimo aggiornamento: 24 settembre 2013 14:36
Enel vende ai russi di Rosneft la quota di Severenergia per 1,8 mld di dollari

La firma di Fulvio Conti e Igor Sechin (Foto Enel)

ROMA – Enel, via alle dismissioni annunciate in marzo: il gruppo di Fulvio Conti ha venduto ai russi di Rosneft il 40% di Artic Russia, attraverso cui controllava il 19,6% di Severenergia, incassando 1,8 miliardi di dollari. L’intesa è stata firmata a Sochi, sul mar nero, tra Enel Investment Holding, società interamente posseduta da Enel, e Itera, società di Rosneft, operatore russo attivo nel settore petrolifero e del gas.

L’accordo è stato siglato dall’amministratore delegato di Enel, Fulvio Conti e da Igor Sechin, presidente del Consiglio di Gestione di Rosneft.

Il corrispettivo ammonta a 1,8 miliardi di dollari statunitensi, che saranno versati in contanti al closing. L’esecuzione dell’accordo è soggetta all’approvazione delle competenti autorità antitrust e ad altre condizioni sospensive usuali, tra cui le rinunce da parte degli altri soggetti coinvolti nell’operazione.

Enel ha fatto il proprio ingresso nel mercato russo nel 2004 come primo operatore privato nel settore energetico. Nel settore upstream Enel ha finora disposto del 19,6% del consorzio Severenergia con Novatek, GazpromNeft ed Eni.

Enel possiede inoltre il 56,43% di Enel OGK-5, una società di produzione di energia elettrica che gestisce quattro centrali per una capacità installata di 9.007 MW, situate nelle aree in più rapida crescita del Paese. Di queste, due sono impianti a ciclo combinato di nuova costruzione con una potenza complessiva di 820 MW. Nel segmento delle vendite di energia elettrica, Enel possiede il 49,5% di RusEnergoSbyt, un importante operatore russo con vendite pari a 52 TWh nel 2012.

Severenergia è una joint venture attiva nell’estrazione del gas che opera nella regione autonoma di Yamal-Nenets. Il 51% del capitale di Severenergia è posseduto da Yamal Development, una joint venture paritetica tra Novatek e GazpromNeft. Il restante 49% del capitale di Severenergia è posseduto da Artic Russia BV, la joint venture tra Enel ed Eni in cui le parti dispongono rispettivamente del 40% e del 60%. Severenergia dispone di licenze estrattive in 4 campi. Le riserve provate e probabili sono attualmente di circa 7,3 miliardi di barili equivalenti di petrolio.