Studio Usa: entro il 2030 si potrà produrre energia al 100% da fonti rinnovabili

Pubblicato il 28 Gennaio 2011 13:38 | Ultimo aggiornamento: 28 Gennaio 2011 13:38

Nel 2030 l’energia mondiale potrebbe essere prodotta interamente da fonti rinnovabili. Basta la volontà e un bel po’ di investimenti. Lo sostiene uno studio di Mark Delucchi (Università di California Davis) e Mark Jacobson (Stanford University) pubblicato in gennaio sulla rivista specializzata Energy Policy. Per ottenere un risultato del genere andrebbero installati 4 milioni di pale eoliche da 5 megawatt, 90 mila centrali solari da 300 megawatt (sia fotovoltaiche che a concentrazione) e 1,7 miliardi di pannelli solari fotovoltaici da 3 chilowatt (in pratica ogni casa del mondo dovrebbe avere il proprio impiantino sul tetto).

Per completare il mix che porterebbe al 100% di rinnovabili, spiegano Delucchi e Jacobson, la quantità globale di energia prodotta dovrebbe comprendere il 4% di idroelettrico (non molto di più dell’attuale percentuale) e il 6% complessivo da geotermico e dall’energia ricavata da onde e maree. Un punto fondamentale però è l’efficienza energetica, cioè bassi consumi e taglio netto degli sprechi.