Eurelectric, Francesco Starace passa il testimone: Magnus Hall è il nuovo presidente

di Veronica Nicosia
Pubblicato il 20 Maggio 2019 20:26 | Ultimo aggiornamento: 20 Maggio 2019 20:26
Eurelectric firenze 2019

Eurelectric, Francesco Starace (a destra) passa il testimone al nuovo presidente Magnus Hall (al centro). Foto Blitzquotidiano/Veronica Nicosia

FIRENZE – Francesco Starace, ad di Enel e presidente uscente di Eurelectric, ha passato il testimone al nuovo presidente Magnus Hall, già presidente e ad della società elettrica svedese Vattenfall. L’esperienza di Starace alla presidenza di Eurelectric, eletto nel 2017, si conclude ufficialmente il 20 maggio con la presentazione di Hall durante il Power Summit 2019 tenutosi alla Stazione Leopolda di Firenze.

Gli obiettivi di Eurelectric vengono ribaditi durante il summit e durante la presentazione del nuovo eletto. La transizione energetica alle fonti rinnovabili, la decarbonizzazione entro il 2050, l’efficienza energetica e ancora un sistema di mobilità sostenibile. Queste sono secondo l’associazione che riunisce l’industria europea dell’elettricità di oltre 30 Paesi le priorità da portare all’attenzione dell’Unione europea (UE).

Starace saluta il nuovo presidente sottolineando i successi ottenuti in Commissione europea e ribadendo che nessun paese deve rimanere indietro nella transizione energetica, che per essere efficiente deve avvenire in modo armonioso tra tutti i Paesi dell’UE. La chiave per questa transizione a una elettricità pulita è anche nella partecipazione attiva dei cittadini e della distribuzione, attraverso i processi di innovazione e digitalizzazione della burocrazia, ma anche lo sviluppo delle infrastrutture necessarie alla creazione di una rete di distribuzione adeguata a un sistema, quello dell’elettricità e dell’energia, che è in cambiamento.

L’ad di Enel si dice soddisfatto del suo lavoro e dei successi ottenuti durante il suo mandato: “Sono stati due anni complessi e impegnativi, ma sono orgoglioso di aver guidato l’associazione attraverso una profonda trasformazione, in cui l’elettrificazione e la decarbonizzazione sono diventate le parole d’ordine del settore. Sono felice di consegnare a Magnus le redini di un’associazione che oggi è in prima linea nella transizione energetica, perché sono sicuro che continuerà a guidare il viaggio verso un futuro straordinario per il settore energetico europeo”.

Nell’accettare l’incarico, Hall ha dichiarato: “E’ un grande onore diventare presidente di Eurelectric e proseguire il lavoro svolto finora da chi mi ha preceduto, perché è necessario adottare strategie e politiche energetiche che tengano conto anche dei cambiamenti climatici, a cui bisogna trovare una soluzione concreta”. Durante il suo mandato, Magnus Hall sarà coadiuvato da Patrick O’Doherty, Amministratore delegato dell’operatore elettrico irlandese ESB, e da Leonhard Birnbaum, membro del Consiglio di amministrazione della tedesca E.On SE, nel ruolo di vicepresidenti.

Il principale obiettivo della presidenza di Hall sarà quello di continuare a guidare Eurelectric verso un sistema energetico che sia alimentato da energia “carbon-neutral”. Altro obiettivo fondamentale sarà quello di creare un sistema che guardi all’utente e cliente, affinché adotti stili di vita a basse emissioni di anidride carbonica. Un processo di transizione energetica, sottolinea l’associazione, che deve essere equo tra tutti i paesi e per farlo servirà la collaborazione con le istituzioni e i responsabili politici.

Hall ha dichiarato: “L’elettrificazione è il fattore abilitante principale per un futuro carbon-neutral in Europa. Vogliamo collaborare con i responsabili politici e l’industria per accelerare l’elettrificazione dei trasporti, il riscaldamento e l’industria”.

Per Starace e Hall, l’Unione europea si affida ancora troppo ai carburanti fossili e al gas, per questo motivo è necessaria una discussione con la politica per la creazione di un mercato che punti sulle energie rinnovabili guidando i consumatori. Una strada da perseguire con impegno, se entro i prossimi 10 anni si vuole raggiungere un avanzamento nella decarbonizzazione e si vuole ottenere che la maggior parte dell’elettricità e dell’energia che utilizziamo ogni giorno provenga da fonti rinnovabili.