Shell, basta trivelle in Alaska perché petrolio e gas..

di Redazione Blitz
Pubblicato il 28 Settembre 2015 13:38 | Ultimo aggiornamento: 28 Settembre 2015 13:38
Shell, basta trivelle in Alaska perché petrolio e gas..

Shell, basta trivelle in Alaska perché petrolio e gas.. (foto Ansa)

ROMA – Shell smetterà di trivellare in Alaska: la compagnia petrolifera ha annunciato l’abbandono della ricerca di idrocarburi nell’Artico, dopo aver perforato un pozzo e trovato petrolio e gas in quantità non sufficienti.

Commentando la decisione di Shell, Kumi Naidoo, direttore esecutivo di Greenpeace International, dichiara che “oggi è un gran giorno per l’Artico. Questa è un’enorme vittoria per milioni di persone che si sono opposte ai piani di Shell, e nello stesso momento è un disastro per le altre compagnie petrolifere che hanno interessi in quella regione. Shell ha scommesso pesantemente sulle trivellazioni nell’Artico e oggi ha rimediato una sonora sconfitta, sia in termini di costi che di reputazione pubblica – rileva Naidoo – Quello del colosso petrolifero anglo-olandese era diventato il progetto petrolifero più controverso al mondo: ora Shell torna a casa a mani vuote”.

Greenpeace chiede al presidente degli Stati Uniti Barack Obama – che di recente si è recato in Alaska per parlare di cambiamenti climatici – “di cogliere la palla al balzo e cancellare ogni altro futuro progetto di trivellazione nell’area. Rendere l’Artico un’area off-limits per le compagnie petrolifere potrebbe essere un’opportunità unica per proteggere in modo permanente la regione. Se vogliamo contrastare con serietà i cambiamenti climatici, dobbiamo rivoluzionare totalmente il nostro modo di pensare. E trivellare nell’Artico non è compatibile con questo cambio di visione”, continua Naidoo. La campagna di Greenpeace per salvare l’Artico continuerà ora “con maggiore passione e con più forza. Chiediamo l’istituzione di un santuario nelle acque internazionali attorno al Polo Nord, e dopo le notizie di oggi speriamo che questo nostro obiettivo sia più vicino”, conclude.