Snam, la bellezza della Majella nei “Sentieri Sostenibili”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 6 Novembre 2015 8:10 | Ultimo aggiornamento: 6 Novembre 2015 8:19
Snam, la bellezza della Majella nei "Sentieri Sostenibili” 1

Il parco della Majella, in Abruzzo.

ROMA – Il volume dedicato al Parco della Majella, scritto dal giornalista Jacopo Giliberto, è l’ultimo in ordine di pubblicazione della collana “Sentieri Sostenibili”, volta a raccontare l’integrazione tra le infrastrutture energetiche e i contesti naturalistici di particolare pregio presenti nella Penisola.

Dopo il primo libro dedicato al Parco dei Nebrodi in Sicilia e il secondo dedicato al Parco delle Prealpi Giulie, la collana – promossa da Snam, società leader in Europa nella realizzazione e gestione integrata delle infrastutture del gas naturale, in collaborazione con Il Sole 24 Ore Cultura – racconta le peculiarità del Parco della Majella, in Abruzzo, attraversato dal gasdotto Campochiaro-Sulmona, che consente al gas proveniente dai deserti algerini e dal Sahara libico di risalire l’Italia.

Le operazioni sono state rivolte all’integrazione tra infrastruttura energetica e ambiente, all’interno di un’area naturalistica di grande valore e particolarmente delicata, che porta le tracce millenarie del lavoro dell’uomo. Il territorio, al centro della Penisola, si affaccia da un lato sull’Adriatico e dall’altro sulle vallate intermontane. Con i suoi 74.095 ettari, l’area protetta si estende fra le province di Pescara, l’Aquila, Chieti e comprende anche i monti Porrara, Rotella, Pizzalto e il complesso monti Pizzi – monte Secine.

Il gasdotto che attraversa il Parco della Majella per 15,6 chilometri non è visibile perché sotterraneo. Fin dalla fase di progettazione, il tracciato è stato studiato per non creare all’ambiente alcun disturbo durante i lavori di posa. Dopo il passaggio, i terreni attraversati sono stati ripristinati in modo da lasciare un ambiente sano e pulito. Ogni particolare, dalla qualità delle erbe seminate sul terreno, alla tipologia e distribuzione degli alberi trapiantati, è stato condiviso con il Parco Nazionale della Majella.

Come ha scritto nella prefazione del volume il Ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti:

Il caso della Majella è emblematico. Il metanodotto che attraversa il parco per oltre 15 chilometri è invisibile e la sua realizzazione ha rappresentato un esempio di come si possa intervenire in un’area delicatissima con professionalità e attenzione”.

Quello della tutela ambientale è un tema di particolare interesse per Snam, le cui infrastrutture attraversano 33 aree SIC (Siti di Importanza Comunitaria), 18 Parchi Regionali, 4 Parchi Nazionali (Foreste Casentinesi, Majella, Appennino Lucano Val d’Agri Lagonegrese, Pollino) lasciando intatte, ove non migliorate, le aree toccate. Un impegno costante che la collana “Sentieri Sostenibili” vuole raccontare nelle sue pagine.