Acireale, tromba d’aria: tetti scoperchiati, alberi sradicati, pali divelti FOTO

di Redazione Blitz
Pubblicato il 7 novembre 2014 17:39 | Ultimo aggiornamento: 7 novembre 2014 17:39

ACIREALE – Tromba d’aria il 6 novembre su Acireale: il giorno dopo si fa la conta dei danni ingenti e il sindaco chiede aiuto. La tromba d’aria ha scoperchiato i tetti di edifici pubblici e di tante abitazioni, diversi gli alberi sradicati e spezzati e i pali dell’illuminazione divelti che sono precipitati in strada. Allagati negozi e scuole: queste ultime resteranno chiuse domani per una nuova giornata da codice rosso.

I vigili del fuoco, i volontari della Protezione civile, gli uomini delle Forze dell’ordine sono tutti in strada per rispondere alle emergenze. “E’ un momento di grossa difficoltà”, afferma il sindaco Roberto Barbagallo, “ma gli uomini che abbiamo non bastano per mettere in sicurezza tutta l’area danneggiata”. Si contano quattro feriti lievi per escoriazioni e leggeri traumi. Si valutano le strutture inagibili.

Attivato presso l’Area Com di corso Italia l’Ufficio censimento danni che si occuperà della verifica dei danni e dell’agibilità degli immobili. C’è un invito ufficiale ai cittadini che hanno subito danni ad effettuare subito le segnalazioni che verranno protocollate nella stessa sede.

Il sindaco e l’assessore alla Protezione Civile, alla luce della gravià dell’evento hanno rilanciato l’allerta meteo per le prossime 24/36 ore. Si consiglia di evitare ogni spostamento, se non indispensabile, anche per favorire le operazioni di messa in sicurezza nel territorio. Domani le scuole resteranno chiuse e sarà disposta anche la chiusura degli uffici per la verifica dell’agibilità delle strutture.

Foto Ansa