Attentati Parigi, canottiera con sangue su Fb: Mi ha salvata

di redazione Blitz
Pubblicato il 16 Novembre 2015 14:59 | Ultimo aggiornamento: 16 Novembre 2015 14:59

PARIGI – Si è salvata “fingendo di essere morta”. Così Isobel Bowdey, sudafricana di 22 anni, è sopravvissuta alla furia omicida del commando terrorista che venerdì sera ha fatto irruzione nel teatro Bataclan a Parigi. Un vero e proprio racconto del terrore che la giovane ha riportato sulla sua pagina Facebook pubblicando la foto della sua canottiera insanguinata. Quel sangue e la paura paralizzante hanno ingannato i jihadisti che, vedendola a terra insieme agli altri corpi sono passati oltre. Il post ha raccolto più di un milione e mezzo di like.

“Mai penseresti che potrebbe succedere a te. Era un venerdì sera a un concerto rock”, esordisce Isobel. Erano felici, spensierati. Tant’è che quando è iniziata la sparatoria, racconta Isobel, “abbiamo pensato ingenuamente che fosse parte dello show”.

Ma era tutto vero e Isobel ha trovato il modo di sopravvivere. “Ho fatto finta di essere morta. Sono rimasta immobile per un’ora, senza muovermi, senza nemmeno respirare. In quel momento pensavo solo alle persone che amavo, pensavo a come far loro sapere che le amavo. Sono sopravvissuta, 89 persone non hanno avuto la mia stessa fortuna”.”Quelle immagini mi perseguiteranno per tutta la vita. Immagine di depravazione dell’essere umano, di nessuna considerazione per la vita”.

Nonostante tutto, nel cuore di Isobel, brilla ancora un barlume di ottimismo. E conclude ringraziando i suoi compagni di sventura, che l’hanno rassicurata in quei momenti di paura: “Per l’uomo che mi ha rassicurato tutto il tempo mentre era a terra, per le persone che ci hanno aperto le porte per accoglierci, per tutti coloro che hanno aiutato la nostra fuga, per quelli che mi hanno comprato vestiti nuovi, togliendomi di dosso quelli sporchi di sangue. Tutto questo mi fa credere che questo mondo ha il potenziale per essere migliore”