Ballottaggio Lugo, candidato Verlicchi: “Votate per me, rinuncio allo stipendio”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 30 Maggio 2014 23:34 | Ultimo aggiornamento: 30 Maggio 2014 23:34

RAVENNA – “Se votate per me rinuncio allo stipendio”. Silvano Verlicchi, candidato sindaco a Lugo di Romagna ed ex sindacalista Cgil, ha dichiarato di essere pronto a rinunciare al suo stipendio da sindaco, se sarà eletto al ballottaggio, e a devolverlo ai cittadini. Verlicchi d’altronde percepisce già una pensione e vuole reinvestire lo stipendio da sindaco per iniziative sociali nella sua città.

Verlicchi, che è candidato a sindaco nella città in provincia di Ravenna e conta sul sostegno di 3 liste civiche, ha dichiarato che in caso di vittoria il suo stipendio verrà reinvestito

“a vantaggio della comunità per iniziative di carattere sociale a favore delle persone più fragili, degli anziani, dei giovani, per le associazioni di volontariato, per i nostri Rioni. Dopo avere lavorato oltre cinquant’anni, oggi sono in pensione e con quel denaro vivrò, mi basterà”.

In caso di vittoria, chiamerà poi i suoi assessori a devolvere metà del loro stipendio, e i consiglieri a rimettere il gettone di presenza. Al ballottaggio dell’8 giugno Verlicchi dovrà vedersela con il giovane candidato del Pd, il trentaduenne Davide Ranalli.

Anche sulla sua pagina Facebook il candidato Verlicchi ha rilanciato la sua iniziativa in un post:

“Così non fan tutti

Silvano Verlicchi rinuncerà ai suoi emolumenti da sindaco, i suoi assessori devolveranno la metà delle loro indennità e i suoi consiglieri comunali tutti i gettoni di presenza. Nell’intero mandato verranno così restituite alla comunità lughese centinaia di migliaia di euro che saranno impiegate per attività socialmente utili”.

(Foto da Facebook)