Uomo barricato nell’Agenzia delle Entrate con un ostaggio, le foto

Pubblicato il 3 Maggio 2012 19:25 | Ultimo aggiornamento: 3 Maggio 2012 19:37

BERGAMO – Un uomo si è barricato nella sede dell’Agenzia delle entrate a Romano di Lombardia, in provincia di Bergamo, dove ha preso una quindicina di ostaggi: tutti sono stati fatti uscire, tranne un impiegato. L’uomo, che ha cinquant’anni ed è armato di un fucile a pompa, dice di voler parlare con la stampa e che solo dopo libererà l’ostaggio. Dall’esterno erano stati uditi alcuni spari. Al momento la trattativa con l’uomo è portata avanti da un maresciallo dei carabinieri. “L’uomo – ha detto il sindaco Michele Lamera – non ha fatto altre richieste se non quella di avere un po’ di visibilità per la sua situazione economica”, che avrebbe definito “disperata”.

La sede dell’Agenzia delle entrate è stata circondata da poliziotti e carabinieri. Sul posto anche numerosi funzionari della questura e si è alzato in volo anche un elicottero. L’Agenzia si trova al piano terra di un edificio di cinque piani che al momento non è stato fatto evacuare.

L’uomo ha chiesto di parlare con la stampa, annunciando che solo dopo libererà l’ostaggio. Ha urlato frasi sconnesse da cui si è capito che è in difficoltà economiche e che minaccia di togliersi la vita. Avrebbe ricevuto una serie di cartelle di Equitalia che non è in grado di pagare. Sembra anche che sia conosciuto dai dipendenti delle Agenzie delle entrate perché ha dei debiti con la stessa Agenzia.