Berlusconi a 29 anni quando non era ricco. FOTO matrimonio con Carla Dall’Oglio

di Redazione Blitz
Pubblicato il 27 Febbraio 2015 13:55 | Ultimo aggiornamento: 27 Febbraio 2015 13:55

ROMA -“Quando Berlusconi era Berlusconi” è un nuovo libro scritto dal giornalista Gigi Moncalvo in vendita su Amazon. Nel libro compaiono le foto del primo matrimonio di Silvio Berlusconi avvenuto nel 1965. Le foto vennero pubblicate per la prima volta su Oggi nel 1995 e non è chiaro il motivo per cui il settimanale non abbia più ripubblicato questi scatti. Le immagini danno l’idea di un Cavaliere ancora alle prime armi, non ricco come poi sarebbe diventato pochi anni dopo.

Carla Dall’Oglio, la prima moglie di Berlusconi, è la mamma di Marina e di Pier Silvio. Gigi Moncalvo conferma che

“le fotografie sono state pubblicate dal settimanale “Oggi” nell’agosto del 1995. Ma, in questi vent’anni non sono state stranamente mai più pubblicate, nemmeno, ad esempio, quando si parlava di imminenti nozze con la Pascale (ad esempio, col titolo “Il sogno di Francesca”). Ho voluto pubblicarle  poiché temo che quelle foto non si trovino più nell’archivio della RCS e possano essere scomparse magari su intervento o consiglio di Mity Simonetto, l’incaricata di “ritirare” nelle varie redazioni e nelle agenzie le foto sgradite all’ex-Cavaliere. Comunque sia quelle foto vanno riproposte poiché inducono a molte riflessioni, la più importante delle quali è la seguente: come è possibile, vista la modestia e la “normalità” di quella festa di matrimonio celebratasi nel marzo del 1965, che solo pochissimi anni dopo Berlusconi fosse già uno degli uomini più ricchi d’Italia?”.

Nel libro, aggiunge Moncalvo

“si spiega anche, calcoli alla mano, come, grazie alla politica, si possano azzerare duemila miliardi di lire di debiti, e aumentare di 18 volte il proprio patrimonio arrivando a oltre 6,5 miliardi di euro. Dal punto di vista patrimoniale (e matrimoniale) il libro spiega anche come Berlusconi avesse tentato di “fregare” Veronica Lario, privilegiando Marina e Pier Silvio e creadno problemi – a detta della moglie separata – ai tre figli minori (Barbara, Eleonora e Luigino) nella determinazione delle quote del patrimonio famigliare e della futura eredità”.