Cambogia, inchini al re Norodom Sihamoni alla riapertura del Parlamento (foto)

di Redazione Blitz
Pubblicato il 25 settembre 2013 19:13 | Ultimo aggiornamento: 25 settembre 2013 19:13

PHNOM PENH (CAMBOGIA) – Come annunciato, l’opposizione in Cambogia ha boicottato l’inaugurazione del Parlamento a causa delle polemiche sui presunti brogli nelle elezioni di luglio scorso. Alla sessione che si è svolta lunedì 23 settembre, erano presenti 68 deputati del Partito popolare cambogiano, al governo, mentre erano assenti i 55 parlamentari dell’opposizione. Il re Norodom Sihamoni, malgrado le polemiche si è presentato in Parlamento dove ha ricevuto il tradizionale inchino da parte dei nuovi parlamentari eletti.

Il Partito della salvezza nazionale della Cambogia, all’opposizione, sostiene di aver perso le ultime elezioni a causa di brogli e ha chiesto che una commissione indipendente indaghi sui risultati del voto del 28 luglio scorso.

Il governo ha respinto la richiesta e il re Norodom Sihamoni ha chiesto all’opposizione di partecipare ai lavori del Parlamento. Intanto l’opposizione ha organizzato una cerimonia simbolica nel tempio di Angkor Wat, a Siem Reap, lontano dalla capitale, dove i deputati hanno giurato di non prendere parte ai lavori del governo finché non sarà fatta giustizia. La settimana scorsa Hun Sen e il leader dell’opposizione, Sam Rainsy, hanno tenuto colloqui e hanno concordato di cercare una soluzione non violenta alla crisi politica.

Il tradizionale inchino da parte dei nuovi parlamentari eletti al re Norodom Sihamoni (foto Ap/LaPresse)