Camilo Marabotto, l’uruguayano che denuncia il padre su Facebook

di Redazione Blitz
Pubblicato il 3 ottobre 2013 19:38 | Ultimo aggiornamento: 3 ottobre 2013 19:40

VERONA- “Mio padre ha collaborato con la dittatura”. La denuncia arriva da Camilo Marabotto, un trentenne uruguayano che da 13 anni vive a Verona. Racconta il Gazzettino che Camilo non è mai stato riconosciuto dal suo padre biologico. Così, come tanti, ha iniziato a fare ricerche su di lui fino a scoprire che negli anni ’70 suo padre era un comunista che poi divenne un collaboratore della dittatura.

Così Maraboto ha aperto una pagina facebook, “Tutto su mio padre” e ha denunciato il tutto.

La pagina Facebook di Camilo

La pagina Facebook di Camilo