Chelsea Clinton diventa mamma, è nata Charlotte: le prime foto

di Redazione Blitz
Pubblicato il 29 settembre 2014 12:12 | Ultimo aggiornamento: 29 settembre 2014 12:13

ROMA – La sua nascita non è paragonabile a quella del royal baby britannico, però negli Stati Uniti la nascita di Charlotte, data alla luce dall’ex first daughter Chelsea Clinton, era abbastanza attesa. Per la gioia dell’ex presidente Bill che – fanno sapere parenti e amici – non sta nella pelle, impazzito dalla felicità. E per quella di Hillary che – fa notare qualcuno – potrebbe diventare non solo la prima presidente donna degli Stati Uniti, ma anche la prima nonna ‘Commander in Chief’.

A dare la notizia del fiocco rosa è stata la stessa Chelsea con un messaggio su Twitter e Facebook: “Marc ed io siamo pieni di amore, stupore e gratitudine per la nascita di Charlotte”. L’unica figlia di Bill e Hillary Clinton – 34 anni, sposata dal 2010 con il banchiere Mar Mezvinsky – aveva annunciato di essere in dolce attesa lo scorso aprile. E qualcuno, maliziosamente, aveva avanzato più di un sospetto sulla tempistica di questa maternità: due anni prima della più che probabile corsa di Hillary per la Casa Bianca. Chelsea naturalmente ha sempre zittito le malelingue e negato ogni risvolto politico sulla sua decisione di diventare mamma. Del resto per l’ambiziosa ex first daughter, oggi affermata donna d’affari, rinviare la maternità avrebbe potuto significare rinviare anche una sua possibile discesa in politica. Se ne parla da tempo, e ad alimentare le voci è stata più volte lei stessa. Come quando in un’intervista di qualche mese fa dichiarò che non le dispiacerebbe un giorno candidarsi per la carica di sindaco di New York, oppure di senatrice, proprio come fece la madre nel 2000 avviando una carriera politica che l’ha portata poi a diventare il capo della diplomazia Usa, e che potrebbe culminare sulla poltrona più prestigiosa. C’è più di un indizio, dunque, che Chelsea possa seguire le orme di sua madre. Ma ogni cosa a suo tempo. Adesso la scena politica appartiene ancora ad Hillary, che più volte ha spiegato di voler sciogliere le sue riserve proprio dopo la nascita del nipotino o della nipotina (Chelsea fino all’ultimo non aveva voluto conoscere il sesso del nascituro). Un annuncio che potrebbe arrivare a novembre, dopo le elezioni di midterm.