Chris Mintz, ex soldato eroe che ha fermato killer Oregon

di redazione Blitz
Pubblicato il 2 Ottobre 2015 22:54 | Ultimo aggiornamento: 2 Ottobre 2015 23:01

PORTLAND – Per fermare il killer dell’Oregon si è preso ben 5 pallottole ed è sopravvissuto. Il coraggio del papà eroe, Chris Mintz, 30 anni, veterano dell’esercito americano, è servito a contenere la furia omicida di Chris Harper Mercer, consentendo alla polizia di guadagnare tempo per intervenire e neutralizzarlo.

Chris l’eroe ha provato a fronteggiare Chris l’assassino chiudendosi in un’aula con lui per salvare la vita di alcuni studenti dell’Umpqua Community College. “Oggi è il compleanno di mio figlio“, gli ha detto sperando di muoverlo a compassione. Ma quello non ha avuto pietà e gli ha sparato, tre volte. Chris il buono si è accasciato a terra. “Oggi è il compleanno di mio figlio”, ha ripetuto. E il killer ha fatto fuoco di nuovo.

Poco dopo è arrivata la polizia che ha ucciso Chris Harper. Mintz però era ancora vivo: è stato portato d’urgenza in ospedale e i medici lo hanno sottoposto ad un lungo intervento chirurgico. Ma nonostante le gravi ferite, sopravviverà. Il merito, secondo quanto riportano i media americani, sarebbe della sua vigorosissima fibra muscolare. “Chiunque altro al posto suo sarebbe morto”, assicurano i medici. Chris, 10 anni di leva nell’esercito, è un appassionato di culturismo e si allena tutti i giorni per diverse ore in palestra.

Mintz è stato colpito alla schiena, allo stomaco, alle mani, e ha due gambe rotte, ma i medici si sono detti ottimisti con la famiglia: “I suoi organi vitali sono a posto”. “Dovrà imparare a camminare di nuovo – ha spiegato una familiare alla stampa – Ma continuerà a vivere”.

Chris è originario di Randleman, in North Carolina, e si è trasferito in Oregon dopo aver lasciato l’esercito: pratica arti marziali e sta studiando per diventare un personal trainer.