Concordia, fase finale di rotazione: “Superato punto critico, in piedi all’alba”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 17 settembre 2013 1:55 | Ultimo aggiornamento: 17 settembre 2013 12:24

GROSSETO – “Siamo entrati nella fase finale della rotazione, abbiamo superato la soglia fatidica dei 24 gradi”. Franco Gabrielli, capo della Protezione civile, annuncia che il peggio per il raddrizzamento della Concordia di Costa Crociere sembra passato. Il punto critico dei 24 gradi è stato superato e dopo le 2 del 17 settembre la nave si trova a 30 gradi di rotazione. Ora i cassoni ai lati della nave cominciano ad imbarcare acqua per stabilizzarla eretta e finalmente spostarla dalla costa dell’Isola del Giglio.

Altre 4 ore di operazioni, annuncia Gabrielli, e alle prime luci del mattino la nave potrebbe essere completamente ruotata di quei 65 gradi necessari per rimetterla in modalità di navigazione. Franco Porcellacchia, responsabile del progetto di rimozione della Costa Crociere, durante la conferenza stampa indetta per poco dopo la mezzanotte, spiega che l’operazione “potrebbe durare anche meno”.

Gabrielli ha comunque aggiunto: “Ci avviciniamo all’ora di conclusione delle operazioni, le tempistiche sono da ricondurre alle mani sapienti di chi sta operando”.

L’operazione di raddrizzamento della Concordia prosegue nella notte e non ci sono stati sversamenti in mare dell’acqua contenuta nel relitto, che potrebbe provocare problemi di carattere ambientale. La mancanza di sversamenti è stata confermata dal capo della Protezione Civile, che ha poi aggiunto: “Tutto questo ci conforta e ci fa ben sperare anche per le fasi successive”.

A chi gli chiedeva se siano stati trovati i corpi dei due dispersi, Gabrielli ha risposto che “al momento non c’è alcuna evidenza di corpi nella parte esterna alla nave”.

All’aggiornamento delle 2 di notte sullo stato di rotazione della nave, Gabrielli spiega la la Concordia ha raggiunto i 30 gradi di rotazione e che l’operazione di raddrizzamento potrebbe concludersi già entro le 4 del mattino. Gli ingegneri Sergio Girotto e Porcellaccchia hanno confermato le stime del capo della Protezione civile, sottolineando che  la rotazione continua lenta ma non sembrano al momento emergere problemi.

Gabrielli, Girotto e Porcellacchia hanno poi annunciato un’altra conferenza stampa per le 4 del mattino, ora in cui la Concordia potrebbe essere tornata nella posizione verticale.

(Foto Ansa)