Coronavirus, l’infermiera di Cremona sfinita: dorme sulla scrivania con la mascherina FOTO

di redazione Blitz
Pubblicato il 9 Marzo 2020 12:59 | Ultimo aggiornamento: 9 Marzo 2020 12:59
coronavirus infermiera mascherina

Coronavirus, l’infermiera di Cremona sfinita: dorme sulla scrivania con la mascherina

ROMA – Un’infermiera riposa 5 minuti stremata con la testa su un lenzuolo piegato e poggiato su una scrivania.

La foto scattata all’ospedale di Cremona, la riporta Il Quotidiano Italiano. La donna riposa il tempo necessario per recuperare un po’ di energie e tornare in prima linea a combattere il coronavirus. Lo scatto è diventato il simbolo della fatica estrema che stanno sopportando le donne impegnate sul “fronte” coronavirus, anche in concomitanza con l’8 marzo appena passato. In un’istantanea viene mostrata l’enorme mole di lavoro a cui sono soggetti tutti quelli che operano nelle strutture messe più alla prova in questi giorni di emergenza.

L’immagine diventa il simbolo della fatica estrema che stanno sopportando le donne impegnate nella lotta al contagio. A scattarla è un medico dell’ospedale al termine del turno notturno. Lo scatto è stato fatto verso le sei di mattina. La donna, sfinita, ancora con la mascherina, il camice e i guanti è un’infermiera. Prende un lenzuolo e appoggia la testa per riposarsi un attimo.

“Siamo tutti provati da questa situazione, ma gli infermieri più di tutti. Non si risparmiano. All’inizio di ogni turno – racconta il medico, sottoposto come altri colleghi al tampone – sei assalito da un senso di angoscia, un nodo in gola per nascondere la paura, poi respiri profondamente, metti la mascherina e ricominci. Odio quelle mascherine, non ti permettono di respirare, hai prurito dappertutto, ma che vuoi fare, se ti vuoi salvare le devi tenere. E i guanti, il camice, gli occhiali. Il camice monouso all’interno è di plastica, per forza, ci fa da barriera, ma si suda da morire e ti si appiccica addosso. Sopporti e vai avanti. In fondo speri che la gente debba solo restare a casa, a vedere il televisore o chattare, magari a giocare a scarabeo con i propri figli. Non gli si chiede tanto, eppure sembra che non abbiano capito quanto sia grave la situazione”. 

Fonte: Leggo