Decadenza Berlusconi: chi sono e come votano i 23 della Giunta per le elezioni

di Redazione Blitz
Pubblicato il 4 Settembre 2013 11:34 | Ultimo aggiornamento: 4 Settembre 2013 12:48

ROMA – Sulla decadenza di Silvio Berlusconi da senatore la Giunta per le elezioni e le immunità parlamentari del Senato il prossimo 9 settembre non dovrebbe riservare sorprese. Il Fatto Quotidiano, con Marco Palombi, passa in rassegna i 23 componenti della Giunta, e dividendoli in favorevoli e contrari a Berlusconi, ne viene fuori che 14 voteranno sicuramente per la decadenza, 9 contro.

Sono numeri che non lasciano speranze a Berlusconi, che potrà invece riporre più speranze nel voto a scrutinio segreto del Senato, voce comunque dovrebbe trovare 40 franchi tiratori fra i banchi di centrosinistra, 5 stelle e Scelta civica

Ecco chi sono i 23 che nella Giunta per le elezioni decideranno sulla decadenza. Accanto ai ruoli e al partito, indichiamo se voteranno si o no all’espulsione di Berlusconi dal Senato.

Presidente
STEFANO Dario, Misto, Sinistra Ecologia e Libertà

Vicepresidenti
PEZZOPANE Stefania, PD,
CALIENDO Giacomo, PdL NO

Segretari
DE MONTE Isabella, PD,
DELLA VEDOVA Benedetto, SCpI,

Membri
ALBERTI CASELLATI Maria Elisabetta, PdL, NO
AUGELLO Andrea, PdL, NO
BUCCARELLA Maurizio, M5S,
BUEMI Enrico, Aut (SVP, UV, PATT, UPT)-PSI-MAIE, NO
CASSON Felice, PD,
CRIMI Vito Claudio, M5S,
CUCCA Giuseppe Luigi Salvatore, PD,
D’ASCOLA Nico, PdL, NO
FERRARA Mario, GAL, NO
FILIPPIN Rosanna, PD,
FUCKSIA Serenella, M5S,
GIARRUSSO Mario Michele, M5S,
GIOVANARDI Carlo, PdL, NO
LO MORO Doris, PD,
MALAN Lucio, PdL, NO
MOSCARDELLI Claudio, PD,
PAGLIARI Giorgio, PD,
STEFANI Erika, LN-Aut, NO

Quindici giorni dopo il Fatto, Libero quotidiano ha passato in rassegna i componenti della giunta. Secondo i calcoli del giornale di centrodestra i voti favorevoli alla decadenza sono 14, i contrari 8 e l’indeciso uno: Enrico Buemi, socialista eletto col Pd:

“Pd e Sel favorevoli – Per il momento, nella Giunta per le Elezioni l’unico incerto è il socialista Enrico Buemi, eletto in Piemonte nelle file del Pd. Partito democratico che, almeno a parole, ha invece posizione solida e compatta. “Voteremo per la decadenza, nessun franco tiratore”, continua a giurare il segretario Guglielmo Epifani. In effetti, tutti i membri dem della Giunta si sono detti sicuri di votare sì: sono l’ex magistrato Felice Casson, l’ex margheritino Giuseppe Cucca, la friulana (e renziana) Isabella De Monte, l’ex di Azione cattolica e segretaria del Pd Veneto Rosanna Filippin, l’ex assessore regionale in Calabria Doris Lo Moro, l’ex democristiano (oggi vicino a Renzi) Claudio Moscardelli, l’altro ex democristiano Giorgio Pagliari, l’ex presidente della Provincia dell’Aquila Stefania Pezzopane. Chiude il drappello della sinistra il presidente della Giunta, Dario Stefàno di Sel. Curioso che il presidente si sia già espresso, rendendo noto il proprio voto favorevole alla decadenza del Cavaliere. Anche per questo il pidiellino Renato Schifani chiede di cambiare i membri della Commissione, ricusando quelli che si sono già schierati (ipotesi bocciata dal presidente del Senato Piero Grasso: “Il regolamento non lo consente”).

Il plotone grillino – Nessun dubbio invece su come si esprimeranno i quattro esponenti del Movimento 5 Stelle. Tutti falchi anti-Cav: Vito Crimi, primo storico capogruppo grillino a Palazzo Madama, Maurizio Buccarella (vicepresidente della commissione Giustizia), Serenella Fuksia e Mario Giarrusso. Impensabile che cambino idea su uno dei cavalli di battaglia a 5 Stelle in campagna elettorale. Favorevole alla decadenza anche l’unico membro di Scelta civica, Benedetto Della Vedova (ex radicale, ex Pdl e infine finiano).

La resistenza azzurra – Restano i 7 senatori del Pdl e l’unica leghista, minoranza granitica quanto isolata. Insieme al relatore Andrea Augello, che aprirà le danze in Giunta, ci sono Mario Ferrara (a capo del gruppo Grandi autonomie e libertà), Elisabetta Alberti Casellati (già sottosegretario alla Giustizia e alla Salute con Berlusconi), Giacomo Caliendo (ex sottosegretario alla Giustizia), Nicola D’Ascola, Carlo Giovanardi e, appunto, Erika Stefani della Lega Nord”.

Guarda i volti e le schede dei 23 componenti della Giunta nella sintesi del Fatto Quotidiano (per ingrandire clicca sull’immagine col tasto destro del mouse e seleziona “apri immagine in un’altra scheda):

Decadenza Berlusconi: chi sono e come votano i 23 della Giunta per le elezioni

Decadenza Berlusconi: chi sono e come votano i 23 della Giunta per le elezioni (Fatto Quotidiano)