Dice “boia” a Napolitano. Pd lascia l’Aula quando parla Giorgio Sorial

di redazione Blitz
Pubblicato il 28 gennaio 2014 20:47 | Ultimo aggiornamento: 28 gennaio 2014 20:47

ROMA – Boia a chi? L’ennesimo affondo da parte del Movimento 5 Stelle al Capo dello Stato, Giorgio Napolitano, non può passare inosservato. Non stavolta. Per questo in serata, quando il deputato M5s, Girgis Giorgio Sorial, autore dell’infamante accusa, prende la parola, i deputati Pd lasciano l’Aula della Camera.

Il deputato Cinque Stelle, in mattinata, aveva gravemente offeso il presidente della Repubblica, dandogli del “boia” in riferimento è al decreto Imu Bankitalia, e alla possibile tagliola sui tempi di approvazione. Il pesante insulto è giunto nel corso di una conferenza stampa nella quale i 5 Stelle denunciavano l’illegittimità e l’incostituzionalità di alcuni decreti, privi di coperture e approvati dalla Camere. Ma l’inappropriatezza delle parole di Sorial è bastata a catalizzare il dibattito politico della giornata.

Subito è partita una raffica di dichiarazioni in difesa del capo dello Stato e di condanna del deputato cinque Stelle che ha offeso Napolitano.

(Foto Twitter)

(Foto Twitter)

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other