Europa League, Udinese leggendaria: 3-2 a Liverpool. Napoli brutto ko con il Psv

Pubblicato il 5 ottobre 2012 0:07 | Ultimo aggiornamento: 5 ottobre 2012 0:07

Foto Ansa.

ROMA – Europa League, seconda giornata della fase a gironi.

Leggendaria impresa dell’Udinese che espugna l’Anfield Road di Liverpool (dove solo Genoa e Fiorentina erano riuscite a vincere, ndr) per 3-2 in un match valido per la fase a gironi di Europa League. Una prestazione tutto cuore per i ragazzi di Guidolin, che hanno sofferto a lungo l’aggressività dei Reds ma si sono dimostrati cinici nello sfruttare quasi tutte le occasioni da gol create.

Sostanziale equilibrio nel primo tempo, con il Liverpool però pericolosissimo sulle palle altre. Su una di queste il ‘pelato’ Shelvey sblocca il risultato al 23′. L’Udinese però non fa barricate e sfiora il gol con Benatia. Il secondo tempo è da cuori forti. Dopo un minuto l’Udinese pareggia con un gran gol di Di Natale su assist di Pasquale al termine di una splendida azione sulla trequarti. Rodgers manda nella mischia Suarez che impegna subito Brkic. Sul ribaltamento di fronte a passare è però l’Udinese. Punizione di Di Natale dalla trequarti, Coates prova ad anticipare Domizzi ma infila la palla alle spalle del suo portiere.

Passano 2′ e i bianconeri trovano anche il terzo gol con Di Natale che ricambia il favore e dopo aver lavorato un ottimo pallone in area serve l’accorrente Pasquale che di sinistro batte Reyna. Non c’è tregua: Suarez è una furia, su calcio di punizione al 74′ batte Brkic e riapre la partita. Il finale è al cardiopalma, con il fuoriclasse uruguaiano che quasi da solo mette e a ferro e fuoco la difesa dell’Udinese ma trova sempre un grande Brkic sulla sua strada. Con questa vittoria l’Udinese si porta al comando del girone insieme all’Anzhi con 4 punti, il cammino in Europa si fa adesso più facile.

Un Napoli irriconoscibile viene travolto per 3-0 in casa del Psv Eindhoven nella seconda giornata della fase a gironi di Europa League. La vera squadra di Mazzarri è rimasta in Italia, troppo brutta per essere vera quella vista a Eindhoven.

Presuntuoso il tecnico toscano nel mandare in campo ‘seconde linee’ che al momento dimostrano di non essere all’altezza dei titolari, poca personalità e cattiveria contro un Psv che aveva assoluto bisogno dei tre punti per restare in corsa nel girone. Tre gol subiti ma potevano essere anche di più se solo gli olandesi fossero stati più precisi e cinici sotto porta soprattutto nel secondo tempo, a giochi già fatti.

Psv che sblocca il risultato al 19′ complice una clamorosa dormita di Fernandez e Rosati, Lens elude il tentativo di recupero di Aronica e deposita nella porta vuota. Il raddoppio arriva al 41′, con Mertens che di sinistro insacca all’incrocio dei pali di Rosati.

La squadra di Advocaat chiude il conto nella ripresa, al 51′, con un gol di testa di Marcelo su calcio d’angolo. Napoli sotto shock, a nulla serve l’ingresso di Cavani prima e Pandev poi. E’ infatti ancora il Psv a sfiorare il poker in diverse occasioni. Ora il cammino europeo degli azzurri si complica, bisognerà fare il maggior numero di punti contro Dnipro e Aik e sperare in qualche passo falso degli olandesi.

I tabellini delle partite di Napoli e Udinese.

Psv-Napoli 3-0, gol: Lens 21′ (P), Mertens 43′ (P), Marcelo 52′ (P).
PSV (4-3-3): 1 Tyton; 23 Manolev, 3 Bouma, 4 Marcelo, 15 Willems; 8 Strootman, 6 van Bommel, 13 Hutchinson; 14 Mertens, 7 Toivonen, 11 Lens. (21 Waterman, 2 Jorgensen, 18 Derijck, 24 Ritzmaier, 20 van Oojien, 10 Georginio, 22 Depay). All. Advocaat.

Napoli (3-5-1-1): 22 Rosati; 21 Fernandez, 28 Cannavaro, 6 Aronica; 16 Mesto, 4 Donadel, 20 Dzemaili, 13 El Kaddouri, 8 Dossena; 24 Insigne, 9 Vargas. (1 De Sanctis, 14 Campagnaro, 88 Inler, 85 Behrami, 21 Zuniga, 19 Pandev, 7 Cavani). All. Mazzarri.    Arbitro: Tudor (Romania).

Liverpool-Udinese 2-3, gol: Shelvey 26′ (L), Di Natale 46′ (U), Coates autogol 70′ (U), Pasquale 75′ (U), Suarez 76′ (L).
Liverpool (4-3-3): 1 Jones; 22 Wilson, 16 Coates, 23 Carragher, 49 Robinson; 14 Henderson, 24 Allen, 4 Sahin; 19 Downing, 29 Borini, 31 Sterling. (A disp. 25 Reina, 2 Johnson, 5 Agger, 8 Gerrard, 10 Cole, 7 Suarez, 50 Morgan ) All. Rodgers.

Udinese (3-5-1-1): 1 Brkic; 17 Benatia, 5 Danilo, 11 Domizzi; 6 Faraoni, 7 Badu, 66 Pinzi, 21 Lazzari, 27 Armero; 37 Pereyra; 10 Di Natale (A disp. 25 Padelli, 16 Coda, 75 Heurtaux, 26 Pasquale, 88 Willians, 13 Ranegie, 31 Fabbrini) All. Guidolin    Arbitro: Johanesson (Svezia).