foto notizie

Dromedari alle falde dell’Etna per produrre latte e cosmetici (foto)

CATANIA – Una piccola azienda alle falde dell’Etna alleva dromedari. L’idea è venuta a Santo Fragalà, veterinario siciliano docente di fisiologia equina a Messina. Si tratta del primo allevamento del genere in Italia e il secondo in Europa.

Come scrive Margherita De Bac sul Corriere della Sera, i tre amici permetteranno di produrre latte e prodotti per la cosmetica come creme, bagno schiuma e shampoo. Scrive il Corriere

“Carmen, Jasmine e Mustafà sono i suoi amici a una gobba e se tutto va bene gli permetteranno di avviare un’attività commerciale molto originale in campo alimentare (latte) e della cosmetica (creme, schiuma da bagno, shampoo). Il dromedario, appartiene alla famiglia dei camelidi, un mammifero generosissimo, dolce e docile”.

La femmina produce un latte prezioso, in quantità industriali: una media di 10 litri al giorno contro il litro scarso dell’asina che può essere considerata la concorrente più vicina. Ambedue sono note alle mamme con bambini intolleranti al latto vaccino, di mucca. ‘Ma quello nostro contiene proprietà in più. È cinque volte più ricco di calcio e tre volte di vitamina C e il fatto che sia povero di caseina e ricco di grassi polinsaturi, quelli buoni, consente di allattare in modo esclusivo i piccoli senza l’aggiunta di altri nutrienti. È un alimento completo, perfetto sostituto del latte materno’, spiega Fragalà. E sottolinea i vantaggi sul piano dei costi. Un litro di latte d’asina viene venduto a 12 euro al litro, quello di dromedaria la metà. Certo il progetto di dedicarsi ad un allevamento così particolare richiede una grande passione oltrechè una buona dose di spirito di iniziativa”.

In Europa i prodotti del dromedario sono molto limitati. Si tratta di una nicchia. Ancora il Corriere

Oltre all’azienda siciliana e quella europea che producono in casa, gli unici importatori nell’Ue sono gli Emirati Arabi, autorizzati il 30 marzo scorso fra mille difficoltà, dopo aver dimostrato che gli animali locali sono sani e non esiste il pericolo di zoonosi, malattie dei quadrupedi trasmissibili all’uomo attraverso i cibi”.

Cosa produce, oltre al latte, la cui produzione deve essere ancora avviata?

“Bagno schiuma emolliente, shampoo, crema mani e per il viso (…) Il pensiero corre a Cleopatra e ai suoi famosi bagni nel latte d’asina. In realtà a quei tempi l’asino non era ancora presente in Egitto. Dunque la colorazione eburnea dell’acqua era dovuta al dromedario”.

Dalla pagina Facebook di Santo Fragalà

To Top