Federico Leonelli decapita colf ucraina: foto della villetta degli orrori FOTO

di Redazione Blitz
Pubblicato il 25 Agosto 2014 16:22 | Ultimo aggiornamento: 25 Agosto 2014 16:22

ROMA – Proseguono le indagini della Squadra Mobile, coordinate dalla Procura della Repubblica, “per chiarire ogni aspetto di quanto avvenuto nella mattinata di domenica 224 agosto nella villetta egli orrori di via Birmania, all’Eur. Qui, Oksana Martseniuk, domestica ucraina di 38 anni, è stata decapitata a colpi di coltello da Federico Leonelli. 

Il ragazzo romano di 35 anni è stato ucciso dagli agenti intervenuti per, si legge in una nota  diffusa dalla Questura di Roma “difendersi dai fendenti a loro indirizzati”.

Perde intanto di consistenza l’accusa di stupro: sarebbe infatti cominciata fuori dalla villa, esattamente davanti all’ingresso della taverna, l‘aggressione di Leonelli. Il proprietario della villa, ha spiegato che non si sarebbe mai aspettato quello che è accaduto. “Non mi sarei mai aspettato una cosa del genere, non avevo sospetti su di lui quando l’ho ospitato e lasciato da solo in casa mia”, avrebbe detto agli investigatori il proprietario, che conosceva Locatelli da due anni per motivi di lavoro legati alla società di informatica di cui è consigliere.

(Foto Ansa)