Roma. Flash mob contro la legge anti-panino di Alemanno

Pubblicato il 6 ottobre 2012 20:18 | Ultimo aggiornamento: 6 ottobre 2012 20:55

ROMA – Un flash mob “Magna magna” si è svolto il 6 ottobre a Roma contro l’

ordinanza

del sindaco Gianni Alemanno. Il non poter mangiare un panino comodamente seduti sulla scalinata di piazza di Spagna o dietro la fontana di Trevi ai ragazzi proprio non va giù. Per questo motivo oltre 300 ragazzi hanno invaso la scalinata del Campidoglio “armati” di panini, pizze e gelati ed hanno dato il via al (proibito) banchetto al suono della tromba di Roy Paci.

E proprio Paci scrive sul suo profilo Facebook: La disobbedienza alla legge antipanino del sindaco Alemanno è andata a buon fine: ci siamo beccati 5 multe da 50 euro l’una ma eravamo in 300 e abbiamo fatto una mega colletta in 5 minuti! Io oggi doppiamente illegale: pieno sostegno ai musicisti di strada a colpi di tromba!”.

La manifestazione, organizzata tramite il tamtam sui social network, ha colto di sorpresa anche passanti e turisti che si sono ritrovati nel bel mezzo di un mega-picnic all’ombra del Marco Aurelio. Ad attenderli, sulla scalinata, c’erano anche alcuni vigili urbani, pronti a staccare multe e verbali ai ”disobbedienti”.

”Purtroppo è stato un flash-mob davvero breve – racconta Elisia Menduni, una delle organizzatrici -, i vigili ci hanno subito bloccati per farci i verbali”. Alla fine si conteranno 6 multe da 50 euro, tutte pagate grazie ad una colletta estemporanea organizzata sul posto.

”Abbiamo riscontrato una grande partecipazione – racconta ancora la Menduni, giornalista del settore gastronomico -. La nostra è stata una protesta pacifica e apolitica. Non apparteniamo a nessuna organizzazione o associazione, ma siamo solo grandi appassionati di gastronomia”.

Su Facebook e Twitter sono rimbalzate sin dal pomeriggio le foto e i video del flash-mob. L’immagine-simbolo è quella di un ragazzo che tiene tra le mani una pizza gigante che gli copre quasi completamente il volto. Una delle tante offerte da fornai, alimentari e pizzerie che hanno aderito all’iniziativa.

Sul web si rincorrono commenti e battute sui ”pizzardoni” (i vigili urbani) che sfidano la loro nemesi: le pizze. Al suono della ”ritirata” di Roy Paci, i ragazzi si sono dati da fare per raccogliere e gettare carte e cartacce nei cassonetti. Non prima però di aver dribblato l’ennesimo agente che provava a multarli. E dopo il Campidoglio la sera del 6 ottobre l’appuntamento è a piazza San Callisto, nel cuore di Trastevere, per una ”braciolata” en plein air organizzata dall’Assemblea Giovani al Centro.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other