Gatto Manul vive in Asia: muso schiacciato gli fa fare queste facce FOTO

di Redazione Blitz
Pubblicato il 10 Giugno 2015 13:30 | Ultimo aggiornamento: 10 Giugno 2015 13:30

ROMA – Il gatto Manul, chiamato anche detto gatto di Pallas o gatto delle steppe, è un piccolo felino diffuso in Asia centrale. Il Manul è lungo circa 60 centimetri, a cui se ne aggiungono altri 25 per la coda. Il pelo è di color ocra con delle strisce verticali, a volte non visibili essendo la pelliccia molto spessa. Il colore cambia al variare delle stagioni: d’inverno, infatti, è più tendente al grigio e più uniforme.

Questa particolare razza vive nelle steppe e nelle praterie ed è una delle specie selvatiche tra le più minacciate dell’Asia centrale. Come nota Boredpanda che dedica loro una galleria di foto, questi gatti hanno il muso schiacciato che permette loro di fare, davanti ad un obbiettivo, delle espressioni molto divertenti. Le foto rendono il gatto Manul un animale domestico simpatico e munito di un volto espressivo. La loro natura, in realtà è solitaria e selvaggia.

Il Pallas è in grado di vivere a 500 metri di altezza ed ha un sistema immunitario molto debole rispetto ai comuni gatti. Ciò è dovuto dall’essere poco esposto alle infezioni virali. Per questo motivo, i tassi di sopravvivenza sono molto bassi e le nuove cucciolate hanno un tasso di mortalità che arriva a toccare il 44,9%. In Occidente è possibile vederli solo in qualche giardino zoologico.