Giorgio Faletti, camera ardente all’ospedale Molinette di Torino FOTO

di Redazione Blitz
Pubblicato il 7 Luglio 2014 15:19 | Ultimo aggiornamento: 7 Luglio 2014 15:19

TORINO – Nella mattinata del 7 luglio è stata aperta all’ospedale Molinette di Torino, la camera ardente di Giorgio Faletti, lo scrittore, attore e cantante morto venerdì per un male incurabile. La camera ardente è rimasta aperta fino alle 13, quando la salma verrà trasferita al teatro Alfieri di Asti.

I funerali si terranno nel pomeriggio di martedì 8 luglio nella chiesa della Collegiata di San Secondo, sempre nella sua Asti, che ha proclamato il lutto cittadino. Decine di amici, conoscenti ma soprattutto ammiratori, gente comune, si sono alternati nella camera ardente di Giorgio Faletti, all’ospedale Molinette. La salma dell’artista era in una camera sobria, senza fiori per volontà sua e della famiglia, che ha richiesto invece donazioni all’associazione per la ricerca sul cancro.

Faletti indossava una maglia a girocollo nera, look che lo ha contraddistinto negli ultimi anni di vita. “Sono qui per salutare Vito Catozzo, mi faceva ridere”, dice uno dei visitatori poco dopo avere lasciato la camera ardente. “Per me era un mito – aggiunge un’altra – mi viene da piangere”.  Dopo la chiusura della camera ardente, circa 150 persone gli hanno tributato un applauso spontaneo. Accanto alla salma dell’artista, a partire dalle 11, c’era anche la moglie Roberta, che ha preferito non parlare con i cronisti. La donna ha deposto alcune rose rosse accanto al feretro prima che venisse chiusa la bara.

(Foto LaPresse)