Green Hill, sequestrata a Montichiari l’azienda: “Maltratta i beagle”

Pubblicato il 18 luglio 2012 10:16 | Ultimo aggiornamento: 18 luglio 2012 14:49

(Foto LaPresse)

MILANO – Sotto sequestro Green Hill, il canile che alleva beagle da vivisezionare. Il Corpo forestale dello Stato ha sequestrato l’azienda a Montichiari (Brescia). Il reato contestato è quello di maltrattamento animale: con questa accusa sono indagate 3 persone.

Il sequestro è stato disposto dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale ordinario di Brescia: partecipano all’operazione circa 30 forestali appartenenti ai Comandi provinciali di Brescia, Bergamo e al Nucleo Investigativo per i Reati in danno agli Animali.

Sotto sequestro sono finiti sia pezzi della struttura (capannoni, uffici e aree per un totale di 5 ettari) sia cani di razza beagle, sia cuccioli che adulti.  I cuccioli di beagle non potranno comunque uscire dall’azienda. I rappresentanti della Green Hill sono stati nominati custodi giudiziari insieme al sindaco della cittadina lombarda e alla locale Asl. A loro spetta l’obbligo di curare e far mangiare i cani.

Nei giorni scorsi la Procura di Brescia aveva già lanciato un avvertimento a Green Hill: “Gli atti di violenza non possono rimanere impuniti”.

Tra i più grandi sostenitori della chiusura di Green Hill c’è l’ex ministro Michela Vittoria Brambilla, convinta animalista che da anni porta avanti la sua battaglia.