Ilaria Pagliarulo è morta: il ragazzo le sparò due volte e lei non lo denunciò

di Redazione Blitz
Pubblicato il 23 settembre 2013 14:52 | Ultimo aggiornamento: 24 settembre 2013 12:32

TARANTO – Ilaria Pagliarulo, la giovane di 20 anni colpita per ben due volte a colpi di pistola dal fidanzato domenica scorsa, e poi di nuovo lunedì, è morta. Cosimo De Biaso, il suo convivente, le aveva sparato una prima volta domenica sera, al culmine di una lite violenta, perforandole un rene. Lei ha scelto di tacere e provare a curarsi da sola, tentando di salvare il suo fidanzato dall’arresto. Fino all’indomani mattina, quando al risveglio De Biaso le ha sparato di nuovo, un colpo al torace. Infine una scarica di proiettili nel disperato tentativo di fuga di lei.

Ilaria, che viveva con l’uomo in una villetta bifamiliare a Statte, comune alle porte di Taranto, aveva chiamato in soccorso la madre, la quale si era rivolta al 118 e ai carabinieri. De Biaso ha poi rincorso l’ambulanza e l’auto della madre continuando a sparare.L’uomo è stato infine arrestato non molto lontano dall’abitazione dove si è consumata la tragedia. La pistola, calibro 22, utilizzata per sparare a ripetizione contro la sua ragazza, l’aveva nascosta negli slip.

Nell’interrogatorio aveva negato di aver sparato contro l’ambulanza e confermato la violenta lite con Ilaria. La sua giustificazione: “Mi esasperava”. Ora l’accusa non è più di tentato omicidio ma di omicidio vero e proprio.

Foto LaPresse