600 milioni di persone al buio in India. Centinaia di minatori in trappola

Pubblicato il 31 luglio 2012 13:33 | Ultimo aggiornamento: 31 luglio 2012 14:45

(Foto LaPresse)

NEW DELHI – Centinaia di minatori sono intrappolati in una miniera di carbone a Burdwan, in India. Colpa di un nuovo blackout che ha lasciato senza energia 600 milioni di indiani, e che arriva dopo quello che lunedì 30 luglio ha lasciato senza luce ed energia elettrica quasi trecento milioni di persone.

“Stiamo cercando di soccorrerli”, ha detto ha detto il governatore dello Stato del Bengala, Mamata Banerjee, “tutti i nostri sforzi sono concentrati sul ripristino dell’energia elettrica”. I minatori lavorano per una società di proprietà del governo, la Eastern Coalfields, a Burdwan, 180km a nord-est di Calcutta.

Una terza rete elettrica è crollata dopo le due reti di crollate il 30 luglio. Al momento sono 600 milioni gli abitanti del Nord, Nord-est ed Est senza elettricità per la nuova interruzione di energia. “Le reti elettriche nel nord e ad est sono crollate. Siamo impegnati in questo momento al ripristino”, ha detto Agrawal VK, il direttore generale della rete elettrica nella regione settentrionale.

Oltre 300 mila passeggeri sono stati bloccati sui treni, secondo quanto ha detto una fonte delle Ferrovie indiane ai giornalisti. ”Oltre 300 treni si sono fermati per la mancanza di elettricità dopo il guasto sulla ‘northern grid’ e sulla ‘eastern grid”’ ha spiegato il portavoce Anil Saxena. I convogli sono stati trainati da locomotive a diesel fino alla più vicina stazione dove i viaggiatori sono scesi e sono stati rifocillati dal personale ferroviario.

Tensione anche sulla metropolitana di New Delhi, che trasporta in media un milione di persone al giorno. Prima del ripristino i passeggeri sono rimasti intrappolati dentro le carrozze. Le porte sono state azionate manualmente dal personale. Dopo la ripresa del servizio, le linee sono state però prese d’assalto dai pendolari con momenti di tensione e paura per la ressa.

”Le reti elettriche del Nord, Nord-est e dell’Est sono crollate, stiamo lavorando per ripristinarle al più presto”, ha detto Naresh Kumar, portavoce della rete elettrica nazionale, Powergrid Corporation of India. Il blackout ha colpito almeno una ventina di Stati e sta creando disagi a metà della popolazione.

”E’ una grossa crisi. Stiamo lavorando per ripristinare l’elettricità. Numerosi Stati hanno sovrastimato la loro capacità di produzione e questo ha determinato il crollo totale delle reti nel nord e nell’Est”, ha detto un alto responsabile del ministero dell’Energia a New Delhi.

Il blackout del 30 luglio ha messo in ginocchio sette Stati indiani, interrompendo i trasporti, i telefoni e gli acquedotti. Dopo otto ore i tecnici sono riusciti a ripristinare il 60% dell’intera rete elettrica. Il giorno dopo il nuovo guasto.

Questi continui blackout potrebbero essere causato dalla richiesta eccessiva di elettricità per alimentare i condizionatori e gli irrigatori in questa stagione calda.