Italiani all’estero: dalla “Morocha” al “Monaco Nero”, la galleria dei candidati

di Redazione Blitz
Pubblicato il 8 Febbraio 2013 12:46 | Ultimo aggiornamento: 8 Febbraio 2013 12:47

ROMA – Sono 18, 12 alla Camera ma soprattutto 6 al Senato, i seggi che saranno assegnati col voto degli italiani all’estero. Una platea di 3 milioni di elettori, sui 4 che sono iscritti all’Aire (Associazione italiana residenti all’estero). Alle politiche del 2008 votò il 40% di loro. Elessero 8 parlamentari del Pd, 7 del Pdl, 2 del Maie (Movimento associativo italiani all’estero), 1 dell’Idv.

Repubblica, con un articolo di Pasquale Notargiacomo e Andrea Meccia, passa in rassegna i nomi dei candidati nei cinque continenti.

Dei 18 eletti cinque anni fa, 14 si sono ricandidati. I nomi più noti sono quelli di Laura Garavini (Pd) e di Aldo Di Biagio (Fli). Il Pdl schiera quel Raffaele Fantetti che ha sostituito Nicola Di Girolamo, il senatore Pdl che ha patteggiato cinque anni di reclusione per riciclaggio. Mentre il mitico Antonio Razzi, che in corso di legislatura aveva lasciato l’Idv per votare a favore di Berlusconi, passando con i “responsabili” di Scilipoti, è ricandidato, ma in Abruzzo. Silvio mantiene le promesse.

Segue una variopinta platea che si contraddistingue per l’arruolamento, come testimonial, di ignari “vip”, da Barack Obama a Bill Clinton, da Sergio Marchionne ad Andrea Bocelli, da Tony Blair a David Cameron. Perfino Franco Nero. “Colpevoli” di essersi fatti fotografare in compagnia di Amato Berardi, Basilio Giordano, Guglielmo Picchi, Luca Tagliaretti, Gianluca Galletto, Tony Porretta. Tutti candidati in cerca del consenso dei nostri connazionali oltre confine.

Il Sudamerica è il continente che riserva le candidature più interessante dal punto di vista folcloristico. Sinistra ecologia e libertà schiera un comico, Gino Renni, “portatore di italianità secondo tradizione”. Dall’altra parte il Pdl, nella lista “Italiani per la libertà” guidata dal “Monaco Nero” Esteban Caselli, sotto indagine per falso in atto pubblico e violazione della legge elettorale. Scrive Repubblica:

Berlusconi, intercettato con Valter Lavitola lo definì “pericoloso, pericolosissimo”

Dietro il “pericolosissimo Monaco” c’è la “Morocha”, ovvero Ileana Calabrò, sexy ballerina molto famosa in Argentina per aver finto un orgasmo in diretta tv.

La rassegna non finisce qui. Scrive sempre Repubblica:

“Sempre in Sudamerica, qualche ombra nel passato di alcuni candidati del Maie, che in questa tornata sostiene Scelta Civica. Il leader è il deputato Ricardo Merlo, dal 2010 nel gruppo parlamentare dell’Udc. Ma tra i candidati c’è Ugo di Martino, ex Pdl, di cui Francesco Forgione – ex presidente della commissione Antimafia – ha raccontato la storia soffermandosi sui suoi rapporti con Aldo Micciché, faccendiere italiano legato alla ‘ndrangheta e attivo in America Latina. Ha provocato discussioni, invece, sulla stampa argentina la candidatura di Claudio Zin, medico ed ex ministro della Salute della provincia di Buenos Aires, dimessosi perché coinvolto nello scandalo della “mafia dei farmaci”, una vicenda esplosa dalla vendita di medicinali scaduti e falsi.

Sempre con il Maie si presenta Marcelo Gabriel Carrara, “l’uomo per tutte le regioni” come lo hanno ribattezzato recenti articoli di cronaca che hanno esaminato le spese di alcune regioni italiane. Carrara, infatti, oltre a lavorare per la Consulta degli emiliano-romagnoli nel mondo, è anche presidente del consiglio dei giovani molisani e membro dell’associazione dei veneti all’estero. Ancora con il movimento di Merlo, ma in Europa è in lista Gian Luigi Ferretti (Copenaghen), ex braccio destro di Mirko Tremaglia, legato a esponenti dell’estrema destra come Stefano Andrini, e il cui nome è citato anche nel caso Di Girolamo.

Folta rappresentanza di giornalisti anche tra i candidati all’estero. Un trend sempre forte, visto il ruolo dei media in lingua italiana per i connazionali nel mondo. Il Pdl punta su Ivano Ercole, direttore del Gruppo editoriale italo-australiano Rete Italia, candidato nella circoscrizione Oceania al Senato. In corsa con il centrodestra anche l’ex giornalista della Stampa Enrico Singer (Camera/Europa). Da “America oggi” arriva Domenico Delli Carpini (Camera-Nord America). Trascorsi nel giornalismo anche per il compagno di lista Giuseppe Canciani, per Enza Michienzi (20 anni in una tv di Caserta e candidata per il Pdl a Miami), Sharon Nizza (Pdl, Israele, assistente di Fiamma Nirenstein e Maria Giovanna Maglie) e per Silvia Finzi (figlia di Elia, fondatore del Corriere di Tunisi, in lizza al Senato per il Pd)”.