Jim Morrison e Brian Jones morirono il 3 luglio, il giorno maledetto del rock FOTO, VIDEO

di Redazione Blitz
Pubblicato il 3 luglio 2015 15:15 | Ultimo aggiornamento: 3 luglio 2015 15:19

ROMA – Il 3 luglio giorno maledetto del rock. In questa data sono morti sia Jim Morrison (3 luglio 1971), voce e e leader del Doors, sia Brian Jones (3 luglio 1969), fondatore dei Rolling Stones e talentuoso polistrumentista di quella che poi sarebbe diventata la più longeva band del rock’noroll.

I due sono accomunati anche dalla tragica sorte di essere morti ( e non sono gli unici, con loro Kurt Cobain, Janis Joplin, Jimi Hendriz e Amy Winehouse) all’età di 27 anni. Morrison venne trovato senza vita il 2 luglio 1971 nella vasca da bagno dell’appartamento parigino in cui viveva con la compagna Pamela Courson. La causa ufficiale della morte è arresto cardiaco. In molti però, il tragico evento lasciò irrisolti molti interrogativi. Probabilmente le cause della morte devono essere ricercate anche in un abuso di eroina. Jim Morrison era in studio con i Doors per registrare “Crawling Kingsnake”.

Ancora più misteriosa la morte di Brian Jones, avvenuta il 3 luglio del 1969. Il fondatore dei Rolling Stones è annegato nella piscina della sua casa nel Sussex. La morte fu dichiarata incidentale: anche in questo caso però, il pesante abuso di alcol e droghe che aveva portato poche settimane prima al suo allontanamento dalla band ha probabilmente influito (foto LaPresse).

Brina Jones suona lo xilofono con i Rolling Stones nel 1966.

I Doors all’Ed Sullivan Show nel 1967.