Libia, trovato relitto barcone affondato 18 aprile, quello dei 750 morti. “E’ pieno di corpi”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 7 Maggio 2015 16:18 | Ultimo aggiornamento: 7 Maggio 2015 20:54

LAMPEDUSA – Localizzato il barcone della morte, quello affondato lo scorso 18 aprile al largo della Libia, quello che ha provocato la morte di circa 750 migranti. La Marina militare, infatti, su richiesta della Procura di Catania, ha messo a disposizione i cacciamine Gaeta e Vieste, insieme alla corvetta Sfinge, per le operazioni di ricerca e localizzazione del peschereccio affondato.

E il 7 maggio, a circa 85 miglia a nord est delle coste libiche, è stato localizzato, ad una profondità di 375 metri, un relitto di colore blu della lunghezza di 25 metri, “correlabile – sottolinea la Marina – con il relitto del barcone inabissatosi lo scorso 18 aprile”. La rilevazione del relitto è stata possibile grazie alle strumentazioni sonar ed il mezzo subacqueo Gigas in dotazione ai cacciamine.

La procura di Catania ha aperto un’inchiesta e disposto l’arresto di due sopravvissuti ritenuti gli scafisti del barcone della strage. Molti corpi – hanno detto i pm – sono nello scafo e nel ponte basso.

(Foto Marina Militare)