Lituania: Petras Grazulis, il politico anti gay appare su Zoom con un uomo seminudo FOTO

di Lorenzo Briotti
Pubblicato il 6 Dicembre 2020 13:30 | Ultimo aggiornamento: 4 Dicembre 2020 20:29
politico anti lgbt in lituania

Lituania: Petras Grazulis, il politico anti-Lgbt appare su Zoom con un uomo semi-nudo in casa

Petras Grazulis, uno dei politici lituani più apertamente anti gay e Lgtb è stato deriso poiché nel corso di una videochiamata su Zoom, alle sue spalle è apparso un uomo seminudo che guardava nello schermo.

Il parlamentare avrebbe immediatamente spento la webcam.

Grazulis inizialmente ha reagito all’incidente con rabbia, secondo il sito di notizie locali 15min, in seguito ha spiegato che l’uomo era il figlio che lo stava aiutando per un problema al computer.

Lituania, Petras Grazulis è un politico fortemente anti-Lgbt  

Ma successivamente il parlamentare ha cambiato versione, sostenendo che l’uomo era in realtà Andrius Tapinas, un giornalista che a suo dire l’ha “perseguitato per molto tempo”.

L’uomo nel video non ha alcuna somiglianza con il giornalista, ma Grazulis ha insistito che fosse lui.

Grazulis ha ipotizzato che Tapinas avesse cambiato o alterato l’aspetto oppure avesse in qualche modo modificato il video così da apparire.

L’episodio sta attirando un’enorme attenzione a livello nazionale perché Grazulis è forse il politico più apertamente anti-Lgbt del paese.

Il presidente della commissione parlamentare Vytautas Juozapaiti, presente alla videochiamata ha ipotizzato che l’uomo probabilmente era un familiare.

L’uomo assisteva il parlamentare che aveva problemi tecnici al computer.

La riunione su Zoom è stata trasmessa in diretta sul sito web del Parlamento, secondo il quotidiano locale LRT, poi si è rapidamente diffusa online.

I media locali hanno sottolineato l’ironia della situazione.

Grazulis – che ha protestato contro gli eventi del Pride nella capitale lituana Vilnius – appare accanto a un uomo seminudo.

Juozapaitis ha affermato che le riunioni su Zoom sono rischiose quando altre persone sono presenti in casa poiché si discute di informazioni ufficiali sensibili, secondo LRT.

“Probabilmente è responsabilità di ogni parlamentare garantire che nessun’altra persona sia presente nella stanza”.

“C’è da capire perché siano seminudi durante l’orario di lavoro”.

Certo, si potrebbe obbiettare che è la vita privata di una persona, ma era collegato a una riunione di Seimas (Parlamento).

Lituania, Grazulis è il politico più anti-Lgbt del paese

Grazulis è forse il politico più apertamente anti-Lgbt del paese.

Ha regolarmente equiparato l’omose**ualità alla ped**ilia e una volta ha proposto un disegno di legge per impedire a chiunque di “promuovere” l’omosessualità ai minori, secondo Pink News.

Nel 2012 ha consigliato a tutti i gay di lasciare la Lituania e un anno dopo ha inviato come “regalo” un paio di pantaloni da uomo la zip a un gruppo Lgbt locale (fonte: Daily Mail).