M5s, Alessandro Di Battista: “Berlusconi mi voleva. Ecco gli sms” (foto)

di redazione Blitz
Pubblicato il 9 gennaio 2014 9:43 | Ultimo aggiornamento: 9 gennaio 2014 9:43

ROMA – “Berlusconi mi voleva, ecco le prove“: il deputato M5s Alessandro di Battista dopo aver raccontato di essere stato avvicinato da alcuni esponenti forzisti per un ipotetico incontro col Cavaliere pubblica sul suo profilo Facebook gli sms che, a suo avviso, proverebbero il tentativo di “corteggiamento”. Ma non mancano dubbi sulla veridicità dello scambio.

Cosa dicono questi sms? Un imprecisato mittente in data 28 dicembre, alle 22:24 scrive al deputato Cinquestelle: “Ale sono a cena da Berlusconi e parliamo di te… Bene”. Ma Di Battista lo ignora fino alla notte seguente, domenica 29 dicembre, alle 3:34 risponde: “Bene. Sempre meglio parlarne. Saluta il presidente, digli che può godersi il nipoti che al prossimo giro governiamo noi. Un abbraccio”.

A parte l’accortezza di chiamare l’ex senatore presidente, con la lettera minuscola, da parte di uno che ci tiene a mantenere il titolo di “umile cittadino” in Parlamento, a smontare il racconto di Di Battista ci ha pensato Jole Santelli. Sul profilo Facebook della sottosegretaria al lavoro, si legge: “Chiediamo al presidente se vuole incontrare Di Battista. Lui risponde, chi è questo che mi vuole incontrare? No, lui dice che lei lo vuole incontrare; e Berlusconi, ma io non so chi sia…”.

Ma Di Battista non ci sta a farsi trattare come un “Fassina” qualsiasi e decide di produrre le prove: “Per dimostrare che non dico balle e che il M5S non è sul mercato ecco l’sms. Non scherzate con i cittadini nelle istituzioni” scrive sotto la foto degli sms sul presunto pressing.

M5s, Alessandro Di Battista, Berlusconi mi voleva. Ecco gli sms

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other