M5s. Furnari e Labriola, chi sono: “vegano spinto” e casalinga da un solo voto

Pubblicato il 6 Giugno 2013 10:44 | Ultimo aggiornamento: 6 Giugno 2013 10:45

 

ROMA – Alessandro Furnari e Vincenza Labriola, entrambi di Taranto, uno classe ’76 l’altra ’81, chi sono i due deputati M5s che molti danno in uscita dal gruppo?

Entrambi laureati in scienze della Comunicazione, lui fa il “libero professionista facendo corsi di formazione di comunicazione base” e ha anche provato a fare il giornalista, lei invece non è essenzialmente riuscita a trovare lavoro per cui fa la casalinga e si è dedicata alla famiglia: vive (anzi viveva prima di diventare deputata) a Taranto con marito e due figlie piccole.

Qualcosa sulla loro vita la si legge dal blog di Beppe Grillo, da quelle bio scritte in vista delle prime parlamentarie del M5s. Furnari è sicuramente il più prolisso dei due, o almeno quello che ha più cose da dire. Parla della “carriera” e fa capire di essere un naturista convinto: si definisce addirittura un “vegetariano spinto”, ma solo a tratti. Lei invece è più concisa e lascia alla Rete solo poche informazioni sul proprio conto.

I flop alle scorse elezioni. Ci sono però due notizie interessanti che entrambi omettono nelle proprie biografie. Lei prese un solo voto alle comunali di Taranto del maggio 2012. Ma si giustificò dicendo che aspettava la sua seconda figlia, Virginia, e che quindi non aveva messo tutta se stessa nella campagna elettorale. Lui, a quelle stesse comunali, si candidò sindaco con il M5s e prese l’1,68% delle preferenze.

Ma vediamo cosa dicono i due deputati di se stessi sul blog di Grillo:

Alessandro Furnari
sono nato a Taranto il 27 luglio 1976, frequento il corso di laurea in Scienze della Comunicazione. Nella mia vita ho dato precedenza al lavoro rispetto allo studio. Mi occupo di comunicazione, lavoro come libero professionista facendo corsi di formazione di comunicazione di base, ho tenuto corsi di comunicazione anche ai dipendenti della multinazionale Vestas. Ho collaborato per più di due anni con una testata giornalistica locale. Realizzo siti internet ed ho frequentato vari corsi regionali, per cui sono anche tecnico di commercio elettronico. Anche io sono stato uno “Schiavo Moderno”, in quanto ho lavorato anche nei call center. Al momento in cui scrivo lavoro per la Consulting s.r.l.

Sono stato per 5 anni arbitro di calcio della F.I.G.C. (Federazione Italiana Gioco Calcio). Sono convinto che “siamo ciò che mangiamo”, quindi sono molto attento alla corretta alimentazione. E’ una scelta di salute ed anche etica. Potrei definirmi un “vegetariano spinto”, in quanto in alcuni periodi rinuncio anche ai derivati del latte. Non mangio carne e pesce. Mangio pochissimi prodotti industriali e molto cibo naturale. Prediligo i cibi crudi e mangio sempre pasta integrale da agricoltura biologica. Tendenzialmente evito di bere alcolici, eccetto rare eccezioni. Ascolto, da sempre, Beppe Grillo con molto interesse, da prima che nascesse il ‘MoVimento 5 Stelle’. Faccio parte dei gruppi di Beppe Grillo (Meetup) da anni.

Sono organizer del Meetup ‘I Grilli di Taranto in MoVimento’. Penso che sia arrivato il momento di risvegliare una coscienza civile critica nei confronti della classe politica locale che ha lasciato che Taranto, in questi decenni, fosse l’unica provincia pugliese a subire ed ad assecondare certi servilismi di potere. Il MoVimento 5 Stelle ha già inserito 160 consiglieri in Italia, tra Comuni e Regioni, ed i risultati sono eccezionali. Quando entra qualcuno di noi in Comune è come se entrasse un network. Il nostro ruolo è entrare in Comune come dei disinfettanti. Siamo pronti a far rinascere Taranto ed a tutelare le generazioni future. Il MoVimento 5 Stelle è l’unica soluzione ai problemi di Taranto e dell’Italia.

Vincenza Labriola
nata a Taranto il 16 febbraio 1981, sono laureata in scienze della comunicazione e trovare un lavoro confacente al titolo acquisito è risultata un’impresa praticamente impossibile nella mia città. Sono sposata ed ho scelto di rimanere nella mia città per amore. Ho deciso di impegnarmi in prima persona in questo nuovo MoVimento in cui credo, ho capito che è necessario che le persone oneste si mettano in gioco per poter cambiare il futuro della nostra città, altrimenti destinato a essere più nero di quanto già non lo sia.