M5s, flop festa della Repubblica a Mira: max 300 in piazza. “Boicottati” (foto)

Pubblicato il 3 Giugno 2013 13:33 | Ultimo aggiornamento: 3 Giugno 2013 13:35

GIARE DI MIRA (VENEZIA) – Era stata annullata, poi riconfermata, alla fine la festa della Repubblica del Movimento 5 stelle a Giare di Mira (Venezia) si è fatta, ma è stato un flop. E Vito Crimi ha urlato al sabotaggio.

Leggi anche Roberto Fico a “In mezz’ora”: il primo deputato M5s ad un contraddittorio tv

Addirittura nel punto clou della festa, con l’apparizione sul palco dello stesso capogruppo al Senato Crimi e del sindaco M5s, non si sono registrate più di 300 persone in piazza. Gli organizzatori non hanno accettato il flop e hanno accusato la ”disinformazione guidata ad arte”.

Insomma, la testi è quella del boicottaggio e, manco a dirlo, i primi additati come mandanti sono i giornalisti. Qualcuno denuncia anche la sparizione dei cartelli che indicavano il luogo della festa (un piazzale oggettivamente difficile da trovare), la loro sostituzione con frecce in direzioni diverse per suggerire la strada sbagliata. ”Chiedete agli organizzatori – dirà Crimi – solo loro vi possono dire del boicottaggio che c’è stato”.

Un flop, tutto sommato inevitabile, anche perché alla fine a pubblicizzare l’appuntamento c’è stato solo un messaggio sul blog del sindaco Maniero (estraneo all’organizzazione della festa) cui si sono aggiunte le incertezze meteo.

(Foto Ansa)