Gervasoni, docente di storia, offende Elly Schlein: “Ma che è un uomo?”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 7 Settembre 2020 13:27 | Ultimo aggiornamento: 7 Settembre 2020 13:27
Gervasoni, docente di storia, offende Elly Schlein: "Ma che è un uomo?"

Gervasoni, docente di storia, offende Elly Schlein: “Ma che è un uomo?”

Marco Gervasoni vede la copertina de L’Espresso con il volto della vicepresidente dell’Emilia-Romagna Elly Schlein e scrive: “Ma che è un uomo?”.

“Ma che è, un uomo?”. È questa l’offesa che Marco Gervasoni, docente ordinario di Storia contemporanea all’Università del Molise, ha scritto condividendo su Twitter la copertina dell’Espresso dedicata alla vicepresidente della Regione Emilia-Romagna Elly Schlein.

Un tweet che ha scatenato bufera. Ma Gervasoni non è nuovo alle cronache per commenti social che hanno sollevato polveroni, in passato su Liliana Segre e Sea Watch fra gli altri. Era capitato infatti che anche l’anno scorso a proposito della Sea-Watch Gervasoni scrivesse “affondata, bum bum”. 

Ecco alcune reazioni al post di Gervasoni

Nelle ultime ore stigmatizzato anche dal presidente della Regione Stefano Bonaccini che sui social scrive: “È semplicemente la vicepresidente di una bellissima regione che si chiama Emilia-Romagna, eletta dagli elettori e nominata dal sottoscritto. Lei è semplicemente, invece, un cialtrone“.

“Ad Elly Schlein da docente di Unimol esprimo la mia più totale solidarietà. E non ho dubbi, conoscendo molto bene l’ateneo, che si tratta del sentimento della stragrande maggioranza dei colleghi e del personale amministrativo. Sono certo che la sua immagine di donna e di cittadina impegnata nelle istituzioni non sarà neanche sfiorata da un commento di tale bassezza e volgarità”, dice l’ex rettore dell’Università del Molise, Gianmaria Palmieri.

“L’ansia di far parlare di sé a tutti i costi – sostiene Palmieri – induce taluni colleghi a esprimere deliberatamente giudizi e commenti ben oltre i limiti della dignità e della ragionevolezza. Ci si compiace poi, con un istinto infantile, del risultato ottenuto, noncuranti del disdoro che si arreca ai propri colleghi ed alle istituzioni da cui si è pagati, che purtroppo nulla possono per impedirlo”.

“Gli insulti sessisti del prof Gervasoni nei confronti della vice presidente della Regione Emilia Romagna sono indecenti”. Lo afferma invece il portavoce nazionale di Sinistra Italiana Nicola Fratoianni. “Cosa può mai insegnare di buono – prosegue l’esponente di Leu – un docente universitario di questo genere ai giovani? Sono certo che i vertici dell’ateneo del Molise e il ministro dell’università – conclude Fratoianni – faranno ora tutti i passi necessari”. (Fonte Ansa).