Mario Riccio, l’arresto del boss del clan Amato-Pagano (foto e video)

di Redazione Blitz
Pubblicato il 4 febbraio 2014 13:11 | Ultimo aggiornamento: 4 febbraio 2014 13:25

ROMA, 4 FEB – Quando lo hanno arrestato questa mattina Mario Riccio, soprannominato Mariano, capo del clan Amato-Pagano, latitante dal 2011, era tranquillo. Barba lunga, maglietta con varie foto di Marlon Brando Riccio in camera aveva uno schermo  tv con le immagini del sistema di videosorveglianza di tutte le strade di accesso alla casa.

Mario Riccio non era armato,  lo hanno sorpreso in una villetta unifamiliare nel centro di Qualiano, comune a nord di Napoli, in via Salomone. A casa, insieme a Riccio, la moglie e figlia, di circa sette mesi. Sul comodino una carta d’identità, falsa.

Il suo nome, quello di Riccio, era tra i cinque latitanti eccellenti della guerra di Scampia, cinque ‘wanted’ quasi tutti presi: all’appello manca solo Marco di Lauro,  figlio di Paolo, capo storico dell’omonimo clan. Gli altri  tre sono Mariano Abete, 21 anni; Rosario Guarino, 29 anni e Antonio Mennetta, 27 anni, quest’ultimo arrestato nel gennaio 2013.