Mattarella chiama Ciampi: “Tu puoi capire mie preoccupazioni”. Poi va da Napolitano

di Redazione Blitz
Pubblicato il 1 Febbraio 2015 11:16 | Ultimo aggiornamento: 1 Febbraio 2015 19:01

ROMA – Sergio Mattarella esce dal Quirinale a piedi e si avvia alla messa al Santi Apostoli. Una camminata per le strade di Roma il 1° febbraio dopo l’elezione a Presidente della Repubblica. Dopo la funzione Mattarella si è intrattenuto con alcune suore, a cui ha chiesto: “Pregate per me, perché sia uno strumento di bene per il Paese”. Al rientro dalla messa, ha chiamato al telefono Carlo Azeglio Ciampi: “Sono grato per tutto quello che hai fatto per il Paese. Tu puoi capire bene quali siano le mie preoccupazioni”, ha detto Mattarella. Nel pomeriggio, la visita a casa di Giorgio Napolitano, presidente (per due mandati) fino allo scorso 14 gennaio.

La messa è iniziata alla 9 e il neo presidente ha lasciato la Panda grigia al Quirinale e si è diretto a piedi in Chiesa, dove padre Nicola Rosa al termine della funzione ha detto:

“Rivolgiamo fraterni auguri al nuovo presidente e chiudiamo con la benedizione di San Francesco. Preghiamo affinché il Signore faccia risplendere il suo volto su ciascuno di noi, sul Paese, su chi ci Governa e su chi è chiamato ad assumere responsabilità per il bene del Paese”.

Al termine della messa Mattarella ha chiacchierato con alcune suore, con cui ha fatto anche un foto, e ha detto:

“Pregate per me affinché io sia uno strumento per il bene del Paese”.

Suor Maria, una religiosa polacca presente alla chiacchierata, ha detto:

“Per noi è stata una grande sorpresa vederlo entrare in chiesa. Si è dimostrata una persona gentilissima ed educata. Abbiamo promesso che pregheremo per lui”.

Un’esperienza che anche le altre persone che hanno avuto modo di incontrare il nuovo presidente hanno definito emozionante.

Poi Mattarella è tornato a piedi alla Consulta, accompagnato dalla scorta, senza però rilasciare dichiarazioni ai numerosi cronisti che l’hanno inseguito per tutto il tragitto. Nel pomeriggio Mattarella è arrivato a casa di Giorgio Napolitano, in vicolo dei Serpenti a Roma, per un colloquio privato. Il neo presidente della Repubblica ha percorso a piedi il breve tragitto che lo separa dalla foresteria della Corte Costituzionale all’appartamento nel rione Monti del presidente emerito.

“Sono venuto per salutare il presidente Napolitano e rendergli omaggio per il grande servizio reso in questi anni e anche per scambiare con lui qualche opinione”. Lo ha spiegato ai cronisti uscendo dall’abitazione di Napolitano. Il presidente emerito ha accompagnato Mattarella fino alla porta d’ingresso e lo ha salutato affettuosamente con un abbraccio. Quindi Mattarella, circondato dalle telecamere, ha ripercorso a piedi il tratto di strada che lo separa da vicolo dei Serpenti al suo alloggio presso la foresteria della Consulta.

(Foto Ansa)