Messico, donna partorisce sul prato perché respinta dall’ospedale (foto)

di Redazione Blitz
Pubblicato il 8 Ottobre 2013 16:02 | Ultimo aggiornamento: 8 Ottobre 2013 16:02

CITTA’ DEL MESSICO – Sta facendo il giro del mondo la foto di Irma Lopez Aurelio, la donna indigena costretta a dare alla luce il suo terzo figlio davanti a una clinica dell’Oaxaca in Messico. Gli infermieri le avrebbero impedito di entrare a causa di uno sciopero e perché non sapeva esprimersi in spagnolo.

Irma è stata costretta a partorire nel prato davanti all’ospedale della cittadina di Jalapa de Diaz, dopo che il personale medico le ha impedito l’ingresso nel reparto maternità. Il motivo, secondo quanto riportato dal quotidiano locale La Razon, era uno sciopero.

Gli infermieri, nonostante la donna avesse ormai iniziato il travaglio, si sono limitati a farle qualche domanda, pregandola di attendere all’esterno. Ma era troppo tardi.

Proprio nell’area verde antistante l’edificio la donna ha dato alla luce il suo terzo figlio, sotto gli occhi increduli di alcuni testimoni. Uno dei quali ha immortalato la scena in uno scatto che ha fatto il giro del mondo.

Su quanto accaduto le autorità sanitarie locali hanno aperto un’inchiesta: a loro discolpa gli infermieri finiti sulla graticola hanno sostenuto di non aver ben compreso le parole della Lopez, in quanto la donna non parlerebbe bene lo spagnolo.

Quanto al bambino, fortunatamente, nessuna conseguenza: è un maschio, pesa 2 chili e 400 grammi ed è in buona salute.

La visione della foto è sconsigliata ad un pubblico sensibile:

messico donna respinta ospedale partorisce in giardino