MH370 scomparso: i rottami a Réunion sono quelli del Boeing Malaysia Airlines

di Redazione Blitz
Pubblicato il 31 luglio 2015 22:33 | Ultimo aggiornamento: 31 luglio 2015 22:33

PARIGI – E’ arrivata la conferma: i rottami del Boeing ritrovati sull’isola francese de La Réunion sono quelle del volo della Malaysia Airlines scomparso l’8 marzo 2014. 

Secondo le autorità di Kuala Lumpur, che venerdì hanno annunciato la notizia ufficiale basata sulle conclusioni degli esperti aeronautici, resta da capire se si tratti proprio di quello della Malaysian Airlines scomparso dai radar con 239 passeggeri a bordo. Anche per l’Ufficio australiano responsabile della sicurezza dei Trasporti, che per quasi 18 mesi ha guidato le ricerche, sembrano non esserci praticamente più dubbi.  “Siamo sempre più convinti che questi frammenti siano quelli del MH370“, ha dichiarato un alto responsabile dell’organismo di Sydney.

In vent’anni di attività, oltre a quello della Malaysian Airlines, il modello di Boeing 777 ha avuto solo altri due incidenti gravi. A Londra Heathrow, il 17 gennaio 2008, quando un volo della British atterrò “corto” (47 feriti ma nessuna vittima) e a San Francisco, il 6 luglio 2013, con il volo OZ214 dell’Asiana Airlines che andò dritto contro i frangiflutti dell’aeroporto. Bilancio: tre morti e 181 feriti.

Secondo molti esperti è dunque presumibile che il pezzo d’ala sia proprio del volo misteriosamente scomparso quasi due anni fa sulla tratta Kuala Lumpur-Pechino.

L’esame del ‘flaperon’ comincerà mercoledì prossimo nei pressi di Tolosa. Ancora cinque giorni, dunque, prima di un responso ufficiale, almeno da parte delle autorità francesi. Alla verifica parteciperanno un rappresentante dell’Ufficio d’inchiesta e analisi dell’aviazione civile transalpina (Bea), insieme a due rappresentanti aeronautici e giudiziari della Malesia. Da mercoledì sera si dovrebbe quindi essere in grado di sapere se quel rottame appartiene effettivamente al volo MH370.

(Foto da Twitter)