Migranti, è scontro sulle pensioni. Boeri dice che ne servono di più. Salvini: “Vive su Marte?” FOTO

di redazione Blitz
Pubblicato il 4 luglio 2018 15:33 | Ultimo aggiornamento: 4 luglio 2018 15:51

ROMA – Matteo Salvini risponde su Facebook al presidente dell’Inps, Tito Boeri, che aveva detto che “servono immigrati regolari” per far svolgere loro i tanti lavori che gli italiani non vogliono più svolgere, permettendo in questo modo il pagamento delle pensioni attraverso App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play] l’aumento dei contributi versati.

Per Salvini, Boeri continua a fare politica: “Servono più migranti? Boeri vive su Marte – scrive il vicepremier – “‘Servono più immigrati per pagare le pensioni… cancellare la legge Fornero costa troppo… servono più immigrati per fare i tanti lavori che gli italiani non vogliono più fare…’. Il presidente dell’Inps continua a fare politica, ignorando la voglia di lavorare (e di fare figli) di tantissimi italiani. Dove vive, su Marte?”

Salvini risponde a Boeri

Salvini: “Boeri dice che servono più immigrati per le pensioni. Dove vive, su Marte?” FOTO

L’intervento di Boeri.

Tito Boeri, nella sua relazione annuale sottolinea che la storia ”ci insegna che quando si pongono forti restrizioni all’immigrazione regolare, aumenta l’immigrazione clandestina e viceversa: in genere, a fronte di una riduzione del 10% dell’immigrazione regolare, quella illegale aumenta dal 3 al 5%. In presenza di decreti flussi del tutto irrealistici”, sottolinea, la domanda di lavoro immigrato “si riversa sull’immigrazione irregolare di chi arriva in aereo o in macchina, non coi barconi ma coi visti turistici, e rimane in Italia a visto scaduto”.

“Gli italiani sottostimano la quota di popolazione sopra i 65 anni e sovrastimano quella di immigrati e di persone con meno di 14 anni(…). La deviazione fra percezione e realtà è molto più accentuata che altrove. Non sono solo pregiudizi. Si tratta di vera e propria disinformazione”.  “Il nostro Paese ha bisogno di aumentare l’immigrazione regolare“. Sono “tanti i lavori che gli italiani non vogliono più svolgere”. Nel lavoro manuale non qualificato ci sono il 36% dei lavoratori stranieri in Italia e l’8% degli italiani.

Quota 100 pura costa fino a 20 miliardi all’anno, quota 100 con 64 anni minimi di età costa fino a 18 che si riducono a 16 alzando il requisito anagrafico a 65 anni, quota 100 con 64 anni minimi di età e il mantenimento della legislazione vigente per quanto riguarda i requisiti di anzianità contributiva indipendenti dall’età costa fino a 8 miliardi”, afferma Boeri.”Ripristinando le pensioni di anzianità con quota 100 (o 41 anni di contributi) si avrebbero subito circa 750.000 pensionati in più”.

“La storia recente dei giovani nel nostro Paese è una storia di inesorabili revisioni al ribasso delle loro aspettative. Fra queste delusioni anche quella di ritrovarsi sempre, quale che sia l’esito del voto, con governi che propongono interventi a favore dei pensionati”, dice Boeri.

“Il nostro sistema pensionistico è in grado di reggere alla sfida della longevità, almeno sin quando si manterrà l’adeguamento automatico dell’età pensionabile alla speranza di vita e la revisione dei coefficienti di trasformazione. Ma non ha al suo interno meccanismi correttivi che gli permettano di compensare un calo delle coorti in ingresso nel nostro mercato del lavoro”. Boeri fa riferimento al declino demografico eventualmente connesso alla riduzione dei flussi migratori.

Poi, a margine della relazione, ai giornalisti che gli chiedono se si senta sotto sfratto dopo le dichiarazioni di Matteo Salvini, spiega che “i dati sono la risposta migliore e non c’è modo di intimidirli“.

“La mia risposta – dice – è nei dati e i dati parlano. Oggi presentiamo quella che è la verità che bisogna dire in Italia”.

Le parole di Di Maio.

“Non so se andremo d’accordo su tutto ma sul tema delle pensioni d’oro e dei vitalizi lavoreremo bene”. Così il ministro del Lavoro, Luigi Di Maio, intervenendo alla presentazione del Rapporto Inps. “Finché – spiega – il legislativo farà il legislativo, l’esecutivo farà l’esecutivo e l’Inps farà l’Inps andremo d’accordo”.

“Dopo la delibera sui vitalizi penseremo alle pensioni d’oro, che Boeri chiama pensioni di privilegio”. Di Maio ha aperto il suo intervento ringraziando il presidente dell’Inps Tito Boeri, “per la collaborazione istituzione” fin da prima della formazione del governo.

“Nessuno mette in discussione”, secondo il presidente dell’Inps, Tito Boeri, il principio che l’Inps deve fare l’Inps come ha detto il vicepremier Di Maio. “Noi facciamo un’attività di supporto, applichiamo la legge ma nel momento in cui vengono discusse delle questioni di rilevanza per il nostro istituto e per i giovani chiaramente diciamo la nostra”, dice Boeri, a margine della presentazione della relazione annuale. “Poi – aggiunge – quando il governo e il parlamento decidono noi ci mettiamo pancia a terra ad applicare le leggi”.