Migrazioni, è l’ora per balene e gnu…si muovono miliardi di animali

di Redazione Blitz
Pubblicato il 10 Febbraio 2015 13:21 | Ultimo aggiornamento: 10 Febbraio 2015 13:21

ROMA – Il momento delle migrazioni è arrivato. Miliardi di animali si muovono, viaggiando anche per migliaia di miglia per raggiungere la loro destinazione. Alcuni si spostano per trovare il cibo, altri per trovare un luogo ospitale in cui riprodursi. Caribù, balene grigie, cicogne, tartarughe: tanti gli animali che migrano.

Vittorio Sabadin su La Stampa spiega che i vantaggi delle migrazioni sono sempre di più degli svantaggi:

“Gli scienziati sono arrivati da tempo alla conclusione che i rischi delle migrazioni sono ampiamente compensati dai vantaggi. Nel corso del viaggio molti esemplari muoiono a causa della mancanza di cibo, di difficoltà nell’orientamento e dell’assalto dei predatori, tra i quali l’uomo è uno dei più efficienti. Ma, dopo avere lasciato i rifugi invernali del Sud, vale sempre la pena di percorrere migliaia di chilometri per raggiungere spazi liberi e ricchi di cibo al Nord, dove è possibile nidificare e riprodursi in una relativa sicurezza”.

Caribù

Mezzo milione emigra sposandosi 500 miglia a nord ogni estate, per nutrirsi nella tundra artica.

Cicogne

Le cicogne partono dal sud America a marzo e arrivano in nord America, dove restano fino a settembre, per poi spostarsi nel nord est Africa in ottobre. Se il vento è a loro favore, possono volare anche per 500 miglia al giorno.

Balene grigie

Questi mammiferi si spostano tra le 10mil e le 12mila miglia dalle acque calde del Messico e della California del sud fino alle acque gelid dell’oceano Artico.

Gnu

Centinaia di migliaia di gnu  si spostano in tondo e in senso orario, seguendo la pioggia che fa crescere l’erba. Gli gnu passano l’inverno a sud della piana del Serengeti  e poi iniziano a muoversi verso nord da aprile, ritornando infine al punto di partenza.

Rondini

Fanno il nido in Europa tra aprile e maggio e a settembre tornano nell’Africa sub sahariana. Il loro viaggio dura 6 settimane e volano per  320 chilometri al giorno.

Oche calve indiane

Queste oche passano l’inverno in India, poi volano a nord attraverso l’Himalaya fino in Mongolia.Volano più in alto di qualsiasi altro animale, raggiungendo i 6400 metri di altezza.

Tartarughe marine

Ci sono moltissime specie, le viaggiatrici più coraggiose fanno 7mila miglia attraverso il Pacifico per nutrirsi nelle acque della California e poi tornare nel Pacifico.

Pipistrelli del Congo

Otto milioni di pipistrelli passano il confine con lo Zambia per distruggere i frutti di bosco e tutto il mango del parco di Kasanka.

E infine c’è l’uomo, che in quanto a migrazioni non scherza di certo.